Attualità

In attesa degli arrivi, con polemiche

Foto Marco Alpozzi/LaPresse 21 Maggio 2020 Liguria, Italia Cronaca FASE 2 . Emergenza COVID-19 (Coronavirus) in Liguria - La Liguria si prepara alla stagione estiva Nella foto: Barche turistiche ancora ferme in secca Photo Marco Alpozzi/LaPresse May 21, 2020 Torino (To), Italy News COVID-19 (Coronavirus) emergency in Liguria - Liguria preparing for the summer season In the pic: Tourist boats still stopped in the dry

E’ prossima la “liberazione” ovvero la possibilità dei trasferimenti liberi tra le Regioni e Toti, Presidente della Liguria, afferma che accoglierà a braccia aperte i milanesi. Il Sindaco di Milano, Sala, ringrazia e si rammarica un po’ dell’atteggiamento di altri Presidenti di Regione, fra i quali qualcuno auspicherebbe, da parte dei lombardi, l’esibizione di una “patente di immunità”. Sala sotolinea che si ricorderà, in base a ciò, di quale scelta compiere per un weekend e una vacanza!

Così’ si è espresso il Sindaco Sala: “Dal 3 di giugno anche noi potremo lasciare la nostra Regione? Ne abbiamo necessità e voglia per andare a trovare un parente, andare al mare e in montagna. Non ce lo devono dire il giorno prima, vogliamo capire in base a che parametri verrà presa questa decisione. Considereranno le aree Covid zero, i numeri di tamponi fatti, i numeri delle persone in terapia intensiva? Chiedo che sia giusto dare questo tipo di informazione, qualcuno deciderà e noi applicheremo. L’essere partecipi è fondamentale”.
E così si rivolge invece ad uno dei Presidenti di Regione “falchi”, ovvero il sardo Solinas:
Illustre Presidente Solinas, rispondo con educazione a quanto da lei affermato. Ho parlato a titolo personale, ma non tiro proprio indietro la mano: io non andrei in vacanza laddove fosse richiesto un test di negatività al virus. A parte il fatto che non è così semplice disporre di questi test, penso sia sbagliato discriminare gli italiani per regioni di appartenenza. Milano e la Lombardia saranno sempre terre di libertà e di accoglienza. Ci aspettiamo lo stesso dal resto del Paese”

E mentre si discute sul “se”, si aggiungono dubbi sul “come” spostarsi tra le Regionie, in tale ottica, l’Assessore regionale Benveduti, è polemico nei confronti del Governo sul problema delle autostrade e così si esprime: “La totale assenza di coordinamento e di pianificazione dei lavori tra Ministero delle Infrastrutture e Autostrade rischia di mandare la Liguria al collasso con l’apertura del traffico tra regioni, che avverrà molto probabilmente la prossima settimana, con danni irrecuperabili per il nostro tessuto economico.
Stiamo assistendo alla solita confusione dettata da una forte incapacità nel gestire le manutenzioni ordinarie, ancor prima dei lavori futuri: Chi dovrebbe dettare l’agenda dei lavori, forse non si accorge che la produttività di un’azienda di autotrasporto, così come la capacità di consegna della merce da parte di tutti gli operatori, è una garanzia per la portualità, per la città e l’economia di un’intera regione. Il problema è garantire sì la sicurezza, ma conciliata con la capacità operativa, con il fatto che i veicoli non debbano fermarsi e che la merce possa arrivare nei supermercati o in porto nei tempi giusti. Abbiamo chiesto più volte al ministero di partecipare ai tavoli di coordinamento, che settimanalmente convochiamo con i rappresentanti economici territoriali, ma non ci hanno mai risposto”.

“La Liguria sta già pagando la chiusura dei trasporti eccezionali, che ricordiamo ricoprono una fetta importante della nostra economia, e che avremo difficoltà a recuperare. Serve un coordinamento forte, così come occorre finalmente una presa di posizione chiara e decisa da parte del governo sul tema della revoca della concessione ad Autostrade per l’Italia. È due anni che ne sentiamo parlare. Se non capiamo che sui temi infrastrutturali, specie sulla realizzazione di opere come la Gronda e il Terzo Valico, la Liguria si gioca i prossimi 50 anni, difficilmente ne verremo fuori”

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: