Politica

In crescita la spesa delle Province liguri

E’ di circa 361 milioni di euro il risparmio che, secondo Confartigianato, si potrebbe avere con l’abolizione delle province, in base ad un’elaborazione su dati Istat. Sempre secondo l’organizzazione l’ammontare della spesa corrente dei quattro enti provinciali liguri nel 2010, ha subito un in aumento del 29% , rispetto al 2009.
«L’aumento della spesa corrente, che comprende le uscite per il funzionamento delle strutture e per l’erogazione dei servizi – spiega Luca Costi (nella foto), segretario regionale di Confartigianato Liguria – è stata, secondo la rilevazione più recente effettuata, superiore alla media nazionale (+0,8%) di quasi due punti percentuali».
Per la spesa delle quattro province tra il 2006 e il 2010, la Liguria primeggia rispetto alle altre, ponendosi seconda dopo la Sardegna (+31,4%) con un aumento del +30,7% e con una velocità tripla rispetto alla media nazionale (+11,1%).

In questi cinque anni la spesa corrente delle quattro province liguri è passata dai 276 milioni di euro del 2006 ai 361 del 2010. «Un balzo in avanti –aggiunge Costi – determinato al 60% dall’acquisto di beni e servizi, per il 22% per il personale, al 13% per trasferimenti e al 5% da altre spese correnti».
A livello pro capite, la spesa corrente delle province di Imperia, Savona, Genova e La Spezia è di 223 euro, superiore alla media nazionale di 154 euro. Le province della Liguria si piazzano al nono posto nella classifica della spesa per il personale, che si aggira sui 49 euro ad abitante, 10 euro in più rispetto alla media italiana. Più elevata la spesa in certe regioni del Centro Sud, mentre le regioni più virtuose nel contenimento di questa importante voce di spesa risultano Veneto e Lombardia, dove il personale “pesa” rispettivamente 25 e 27 euro a cittadino. La spesa per l’acquisto di beni e servizi è, invece, di 133 euro pro-capite. 
Il segretario regionale di Confartigianato Liguria si esprime anche sul tanto discusso tema dell’abolizione degli enti provinciali sotto i 350mila abitanti allo studio da parte del governo Monti. «Secondo una recente analisi dell’Unione province italiane – dichiara Costi – la Liguria è la quinta regione per numero di società e consorzi partecipati dalle Province: ben 220 contro i 91 per esempio di una regione come il Lazio, per un totale su scala nazionale di 3127 partecipate che costano 7 miliardi di euro. In tempi di spending review e in attesa dell’abolizione, il taglio delle spese degli enti potrebbe partire proprio da quelle partecipate la cui mission potrebbe essere svolta in modo efficace ed efficiente anche da privati»

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: