Cronaca

Incontro per salvare la Centrale del Latte di Savona

Per salvare il Centro Latte Savona e dare una prospettiva di occupazione, sono state esaminate tutte le soluzioni possibili durante l’incontro istituzionale avvenuto ieri pomeriggio presso la sede della Regione Liguria. Presenti al tavolo gli assessori regionali Renzo Guccinelli e Enrico Vesco, l’assessore provinciale Giorgio Sambin e il sindaco di Savona, Federico Berruti oltre ai vertici della centrale del latte di Alessandria, attuale affittuario del marchio, dopo l’avvio della pratica del concordato preventivo per il sito produttivo savonese. Durante l’incontro la centrale di Alessandria si è mostrata interessata pur mantenendo forti riserve in merito all’ingente investimento per ripianare i debiti accumulati.

Circa 8 milioni di euro di investimento e il mantenimento del marchio di qualità, nonchè la possibilità di acquisire parte dei macchinari e sostituire quelli obsoleti, la proposta fatta dai piemontesi che però non si sono espressi in merito alla produzione del latte fresco sulla quale ad oggi non ci sono garanzie e che attualmente occupa circa i due terzi dei lavoratori. Si è parlato inoltre delle necessarie misure di ammortizzatori sociali considerando che il 15 aprile scade la cassa integrazione per i lavoratori. Comune, Regione e Provincia hanno inoltre sottolineato l’importanza di mantenere il marchio, sinonimo di qualità, nonchè la produzione a Savona. La prossima settimana è in calendario un nuovo incontro con il gruppo torinese che aveva scritto al Comune di Savona manifestando un possibile interesse per il sito savonese dell’ex macello. Il Sindaco di Savona, infatti, vorrebbe garantire una parte dei posti di lavoro avviando una nuova produzione in piazzale Amburgo a Legino, dove un tempo vi era il macello civico. I locali sono stati completamente ristrutturati ma l’attività non è più ripartita. Provincia, Regione e Comune valuteranno tutte le varie soluzioni proposte e nelle prossime settimane incontreranno nuovamente i vertici della centrale di Alessandria che sta acquisendo il marchio “Valli Genovesi”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: