Attualità

Incontro sui lavori alla centrale di Vado-Quiliano

Nuovo incontro, ieri pomeriggio, alla Camera di Commercio di Savona, tra i firmatari dell’accordo con cui nel dicembre scorso si erano messe le basi per un’iniziativa comune, tra Regione Liguria, Provincia, Camera di Commercio e Tirreno Power, rivolta a “massimizzare” la ricaduta sulle imprese locali dell’investimento previsto sulla centrale di Vado – Quiliano. In pratica, un’intesa rivolta ad avviare tutte le azioni possibili, nel rispetto della libera concorrenza, perché una parte significativa dei circa 1.400 milioni di euro che saranno spesi dall’azienda nell’arco dei prossimi 10 anni, si trasformi in commesse per rafforzare il fatturato delle imprese savonesi, contribuendo in modo rilevante alla difesa dell’occupazione e dei redditi dei savonesi.

Nelle settimane scorse le amministrazioni comunali di Vado Ligure e di Quiliano avevano presentato ricorso contro il decreto ministeriale che autorizza la ristrutturazione della centrale termoelettrica, causando ulteriori problemi all’iter dell’iniziativa. Ma la crisi occupazionale, proprio in coincidenza con queste ultime iniziative, è esplosa in modo violento e quasi improvviso: 130 persone saranno lasciate a casa in giugno da OCV, 150 sono finite nella liquidazione FAC, non passa giorno senza annunci di nuove chiusure tra le piccole imprese di produzione mentre scricchiola anche il terziario. Senza dimenticare che a novembre scadranno tutte le tutele sociali per oltre 200 ex lavoratori di Ferrania.
Un allarme sociale che ha spinto gli stessi lavoratori di Tirreno Power a intervenire con una richiesta di incontro “urgente con gli amministratori di Vado e Quiliano per arrivare senza preconcetti ad un risultato comune come rappresentanti dei lavoratori, e cittadini di questo territorio”
“Riteniamo che la nostra realtà Industriale – scrivono i delegati della Rsu d’azienda – rappresenti un’occasione irrinunciabile per costruire un modello su cui basare una difesa della dignità dei diritti dei lavoratori al pari di una difesa di un ambiente socialmente sostenibile, ed un’occasione per sperimentare una crescita virtuosa e integrata fra ambiente, lavoro e sviluppo”. “È miope, in questo senso – aggiungono i delegati sindacali di Tirreno Power -, affrontare la vicenda con strumentali contrapposizioni politiche con il solo obiettivo di ergersi a paladini della verità. Siamo consapevoli che gli unici a pagare queste divisioni sono solo ed unicamente i lavoratori, diretti e indiretti, ai quali va riconosciuto il massimo rispetto. La nostra proposta vuole avvicinare tutti allo stesso tavolo per coniugare un modello di sviluppo per l’innovazione, difesa dell’ambiente e diritto al lavoro basato su regole a sostegno delle imprese e dei lavoratori”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: