Economia

Inps: +21% la cassa integrazione in provincia

Nel 2011, in provincia di Savona, sono state autorizzate complessivamente 2.499.854 ore di cassa integrazione guadagni (cig), il 21% in più rispetto al 2010, quando le ore autorizzate furono 2.066.111. Le aziende interessate sono state circa 80, con 1.200 lavoratori a zero ore/mese rispetto ai 995 dell’anno precedente. Questo incremento, superiore del 4,65% anche rispetto al 2009, anno più duro della crisi, è risultato più alto dell’andamento regionale, che ha segnato un +11,52%, con 15.382.703 ore, rispetto alle 13.793.031 del 2010. I dati della Liguria, peraltro, sono in netta controtendenza rispetto al trend nazionale che ha registrato una diminuzione del 20,8%, con 953 milioni di ore autorizzate nel 2011, contro 1 miliardo e 203 milioni del 2010.

In provincia l’incremento maggiore è stato ancora una volta della cassa integrazione straordinaria (cigs) passanta dalle 55.073 ore del 2010 a 1.322.827 nel 2011 con un più 2302%. La cigsè concentrata per il 97% nel settore dell’industria, mentre la cassa ordinaria (cigo) ha fatto registrare una netta diminuzione: nel 2010 superava un milione di ore (1.338.495), nel 2011 si sono ridotte a 585.920 (-56,23%). Anche la cassa in deroga ha registrato una significativa diminuzione (-12,11%) passando da 672.543 ore autorizzate nel 2010 a 591.107 nel 2011. La cassa in deroga ha comunque mantenuto un ruolo decisamente importante tra gli ammortizzatori sociali, agendo in particolare a sostegno delle piccole aziende, artigianali e commerciali, con meno di 15 dipendenti.
“A livello settoriale – osserva il presidente provinciale dell’Inps Gian Carlo Battaglino (nella foto) – da rimarcare l’andamento della cassa integrazione nell’industria, che a livello savonese ha fatto segnare un +14,13% rispetto all’anno precedente, mentre a livello nazionale c’è stata una diminuzione del 22,60%, a conferma dell’appesantimento della crisi, soprattutto nella seconda parte dell’anno”.
Disoccupazione e mobilità, in complesso, hanno avuto un leggero incremento rispetto al 2010. La disoccupazione ordinaria e speciale è passata da 7.087 richieste del 2010 a 7.449 nel 2011 con un aumento di quasi 400 unità; la disoccupazione con i requisisti ridotti è salita da 3.066 a 3.338 domande, con un aumento di 272; la mobilità da 294 è scesa a 275 richieste. In totale le domande presentate sono aumentate dalle 10.447 del 2010 a 11.062 nel 2011, con una forte accelerazione (+6%) delle perdite occupazionali.
In media sono stati 824 in più rispetto al 2010 i lavoratori (a zero ore/mese) che hanno usufruito degli ammortizzatori, con un incremento del 7,20%.
“Nonostante questo – prosegue Battaglino – credo che il 2012 si sia aperto con qualche spiraglio di ottimismo, che ci sia la volontà politica di dare il via ai lavori per i grandi progetti provinciali in tempi brevi, in particolare su Vado Ligure e la Valle Bormida, Dovrebbe essere l’anno dell’apertura dei cantieri per la piattaforma Maersk, la centrale Tirreno Power, la copertura dei parchi carbone a San Giuseppe di Cairo, lavori destinati ad avere un impatto fortemente positivo sull’intera economia e l’occupazione della provincia”.
L’Inps di Savona, su richiesta dalla Prefettura, ha anche istituito un osservatorio, con la partecipazione delle parti sociali, al fine di monitorare l’andamento e le risposte tempestive dell’Istituto verso i lavoratori raggiunti dalla crisi nel loro posto di lavoro. “Credo di poter affermare – conclude il presidente provinciale Inps – che in questa fase di grande crisi e di massicci ricorsi agli ammortizzatori sociali, iniziata nel 2009, il personale dell’ente ha svolto un impegnativo lavoro, dimostrando forte senso di responsabilità nei confronti dei lavoratori in attesa di quelle prestazioni, che molto spesso sono l’unica fonte di reddito per il sostentamento delle loro famiglie”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: