Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

Interessante conferenza sulla letteratura ligure del Prof. Fiorenzo Toso

Sabato 21 maggio alle ore 21:00 a Varazze, nell’Oratorio della Confraternita di S. Bartolomeo, organizzata dal “Centro Studi Beato Jacopo da Varagine“, si è svolta l’attesa conferenza del prof. Fiorenzo Toso sulla tematica del dialetto-lingua ligure, alla presenza di un numeroso e attento pubblico, durante il quale è stato ricordato Lorenzo Cavanna, confratello di S. Bartolomeo e personaggio di spicco nel panorama culturale e associativo di Varazze.

La Presidente del “Centro Studi Beato Jacopo da VaragineElsa Roncallo, ha introdotto il noto studioso arenzanese, rilevandone il ricco bagaglio culturale, elencandone il copioso e qualificante curriculum che lo pone al vertice degli studi del settore delle lingue regionali.

Dopo il saluto dell’Amministrazione Comunale, patrocinante della manifestazione, portato dall’Assessore al patrimonio storico-culturale e all’Ambiente Mariangela Calcagno, ha preso la parola il prof. Toso per l’illustrazione della propria relazione.

La genesi e l’affermazione nel tempo e nello spazio del “genovese“, inteso come lingua a carattere regionale, è stato quindi il filo conduttore di una approfondita analisi che il relatore ha svolto con la ben nota bravura, rilevandone l’importanza nel passato culturale, commerciale e politico della Repubblica di Genova e tuttora con una sua precipua validità, con le modifiche apportate da nuovi modi di esprimersi che appartengono alla crescita del nostro linguaggio tecnico-moderno.

Molte le spiegazioni su episodi, modi di dire e fatti che hanno portato un contributo di rilevante importanza nella lingua non solo italiana, ma anche a livello internazionale, provenienti dal genovese“, spiega il prof. Toso; ad esempio la “bancarotta” – dal banchetto delle operazioni commerciali che fallivano, che veniva rotto per significarne il crollo; oppure la “banconota“, da nota effettuata in banca e finita per essere adottata ufficialmente nel mondo finanziario.

La serata era anche dedicata al ricordo di Lorenzo Cavanna. Ebbene, proprio sul finale della conferenza, è stata ascoltata la sua voce ricavata da una lettura dallo stesso Lorenzo effettuata e registrata su un portale internazionale francese che cura il recupero dei vari dialetti europei ed extra. Si trattava di una poesia di Esopo, che Cavanna ha recitato nel dialetto di Sassello, recuperata dal figlio Mattia. Emozione tra i presenti, fra cui la vedova Antonella e i tanti amici che Lorenzo si era conquistato con la sua bravura e dirittura morale.

Complimenti al “Centro Studi Beato Jacopo da Varagine” per la bella e istruttiva conferenza sulla nostra “lingua madre ligure” e al prof. Fiorenzo Toso per la lucida esposizione di una non certamente facile materia di analisi e di studio.

Interventi del presidente de “U Campanin Russu”, Giovanni Ghione e di Mario Traversi, entrambi attivi nella difesa e divulgazione del nostro antico parlare, hanno concluso la serata.

La presidente del “Centro Studi Beato Jacopo da VaragineElsa Roncallo, ha consegnato al prof. Toso un artistico ricordo della manifestazione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: