Cultura e Musica

Intervista a Silvia Calcagno

Intervistare un’Artista senza cadere nella banalità è estremamente difficile ma con Silvia Calcagno questo non è successo perché nel mezzo della nostra conversazione si sono inframmezzati interventi di visitatori e di altri artisti, che numerosi hanno accolto l’invito di visitare una mostra dai risvolti importanti. Da anni ad Albissola non accadeva un evento di così grande richiamo e dalle cento sfaccettature.

L’Artista è molto soddisfatta del successo ottenuto anche se per prima cosa ha chiarito che le sue installazioni sono un punto di partenza per altre soluzioni e ricerche future. Siamo anche riuscite ad approfondire il problema della tecnica usata cioè la fotoceramica: per l’esito che ha voluto dare al colore – non colore però la cottura ha richiesto una temperatura più elevata del solito e soprattutto ha messo a dura prova la tenacia dell’Artista, che essendo una ceramista di professione, ha provveduto personalmente alla cottura delle formelle la cui superficie doveva deve essere trattata di modo che il fondo assorbisse come la carta particolare su cui si dipinge ad acquarello. A volte le domande mi sono state rivolte dall’Artista per saggiare se il messaggio soggetto-oggetto venga recepito o meno: per esempio di fronte all’inquietante e stimolante figura, ripetuta tre o quattrocento volte, dalla creatrice modella di se stessa seduta di fronte ad una sedia vuota. Ho risposto che a prima vista sembra una lunga sequenza di fotogrammi da film dove la protagonista sembra dibattere o con se stessa o con un interlocutore inesistente meglio con se stessa; dopo però, invitandomi a indossare le cuffie per ascoltare la registrazione audio, questa mi porta su piani completamente differenti in quanto vi è registrato un dialogo banale. L’inquietudine, la ricerca di sé si dilatano in un’atmosfera dell’assurdo e ti senti sospeso tra Salvator Dalì, il teatro tedesco e certa letteratura russa. Cosa ne pensi? mi viene chiesto dall’intervistata; senza volerlo abbiamo ribaltato i ruoli come trapela dalla sua installazione: ciò che appare è diverso da ciò che è la realtà. Nello studio Fontana si dipana il dramma di Ilaria , non vuoi pensare che rappresenti una figura di morta, anche se le braccia e la posizione del corpo ti porta a pensare che questo personaggio sia inerme e senza anima, eppure dalle variazioni sul tema volute nelle centinaia di formelle dall’artista pare che qualcuno le abbia cambiato a suo piacere le varie “pose”. Ancora una volta confrontiamo il suo tema dominante ed incalzante di pensiero iterato con le mie impressioni di visitatore: e allora confesso che alla sua Ilaria mi si sovrappone quella Ilaria che pur eseguita nel marmo è più viva di ogni essere vivente. Ecco siamo nell’onirico ma non quello notturno quello che ci avvolge nella mente mentre agiamo nel quotidiano. Molti visitatori hanno subito il fascino catartico di queste istallazioni: analisi di nevrosi o di pensieri iterati e iteranti, volente o non volente il soggetto che le pensa o il visitatore tormentato dal proprio “essere o non essere”.
L’inquietudine e le mille sfaccettature dell’umano si moltiplicano in modo esponenziale nella bocca – simbolo tormentata per diventare perfetta: a questo punto Silvia consiglia di essere il più possibile soggettivi.
Dialogando con Giuliana Marchesa l’artista riconosce che si è creata una sinergia particolare tra le loro femminilità e creatività: l’una intuendo le necessità dell’altra ha lasciato che questa potesse spaziare a suo piacere sia nello studio Fontana, che ha aggiunto suggestione a suggestione, sia nella location di via Colombo, dove l’atmosfera trasuda altre entità e presenze, in quanto luogo destinato anche all’attività creativa.
Per Silvia Calcagno il curatore Luca Beatrice ha avuto un ruolo importante nei preliminari del progetto: per prima cosa ha creduto in lei e nelle sue solide radici artistiche e nelle sue capacità tecniche, poi ha dialogato con lei permettendole di affinare e limare le idee portanti delle tre installazioni. Non penso cha questa intervista – non intervista termini qui, sono certa che andrò ancora una volta a interrogare e ad interrogarmi su queste tre “creature” di eccezionale portata culturale ed umana.

Gabriella De Gregori

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: