AttualitàPolitica

Intervista al consigliere regionale Stefano Mai

Il 20 e 21 settembre in Liguria ed in altre regioni si è votato per il rinnovo del consiglio regionale; nella nostra regione il presidente uscente, Giovanni Toti, è stato riconfermato per un secondo mandato. Tra i candidati in appoggio al governatore uscente vi era anche Stefano Mai, assessore all’agricoltura uscente, eletto nella lista della Lega nella provincia di Savona e attualmente consigliere regionale di maggioranza.

 

Un Suo breve curriculum

Sono stato consigliere, assessore e sindaco del comune di Zuccarello, consigliere di Comunità Montana, consigliere della provincia di Savona, capogruppo Lega, commissario Lega della provincia di Imperia e della sezione di Borghetto Santo Spirito, assessore regionale all’agricoltura dal 2015 al 2020. Sono dipendente Autogrill spa al primo livello aziendale, volontario della Protezione Civile già coordinatore del gruppo comunale di Zuccarello e della Val Neva

 

Perchè ha deciso di candidarsi consigliere regionale?

Perchè in cinque anni ho impostato un buon lavoro e attivato tanti progetti che avevano necessità di continuità poichè voglio ancora fare molto per la mia terra e per la Liguria. In questo momento difficile le nostre aziende e la nostra gente devono fare i conti con il Covid ed è necessario impegnarsi per dare risposte affinchè si possa uscire velocemente da questa crisi legata all’emergenza sanitaria e si possa affrontare la ripresa economica dell’intero Paese

 

Cosa significa per Lei essere consigliere regionale?

Per me è motivo di orgoglio e grande responsabilità ma anche soddisfazione personale perchè tante persone credono in me e apprezzano il mio lavoro. Sono quindi più stimolato a lavorare con maggior determinazione per il bene della nostra terra; nei cinque anni precedenti ho rivestito il ruolo di assessore occupandomi di temi specifici come agricoltura, caccia e pesca e nel nuovo ruolo che mi è stato chiesto di ricoprire oggi, capogruppo Lega in consiglio regionale, avrò la possibilità di occuparmi di molte più tematiche senza abbandonare quelle a me care legate al mio assessorato

 

Cosa si sente di dire in merito alle decisioni del Governo per arginare la pandemia?

Questo Governo, spesso assente, vive alla giornata ed è sordo ai bisogni delle famiglie, delle imprese e dei lavoratori ed è arrogante visto che non ascolta le regioni ed i territori. Più di una volta mi è capitato di partecipare ad incontri surreali nei quali le regioni, all’unanimità, si rivolgevano al Governo chiedendo azioni ben precise e subito dopo l’esecutivo operava scelte diametralmente opposte

 

Una frase che la rappresenta

Non molliamo MAI; sono una persona che non si ferma mai di fronte a nessun ostacolo e con grande caparbietà affronto le sfide, anche le più difficili, a favore del territorio e soprattutto in momenti difficili come questo è necessario andare avanti con grande determinazione

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: