Attualità

Intervista al direttore del Patronato Acli di Savona

Nuove riforme, provvedimenti amministrativi e manovre economiche, come gli enti pubblici e privati coinvolti affrontano e vivono questa crisi e soprattutto come possiamo fare per non naufragare in questo mare tutt’altro che dolce? Parliamone con il direttore del Patronato Acli di Savona Stefano Bosio.

1. In questi tempi di crisi il patronato Acli quali riscontri ha? Ossia che tipo di persone si rivolgono oggi al patronato e con quali esigenze?

Innanzitutto si registra una grande difficoltà a causa della crisi economica che sta aggredendo la società. Ai nostri sportelli infatti si presentano sempre più persone con enormi problemi a vivere in maniera dignitosa, ad inserirsi nel mercato del lavoro o a far fronte ad improvvisi problemi di salute. I servizi sono sempre meno e sempre più costosi.Nell’anno 2011 abbiamo avuto un aumento significativo per quanto riguarda le richieste di indennità di disoccupazione poiché effettivamente molte persone hanno perso il lavoro ed ora hanno difficoltà a ricollocarsi. A seguito della riforma delle pensioni portata avanti dal Governo Monti inoltre molte persone hanno visto cambiare in corsa le regole per il proprio pensionamento, trovandosi in una sorta di “terra di nessuno” come nel caso dei cosidetti “esodati” (o meglio “salvaguardati”) di cui ci parlano i mass media in questi giorni.

2. Come queste riforme influiscono, anche a livello amministrativo, sulle pratiche trattate dal patronato?

E’ noto che la riforma delle pensioni del governo Monti, la riforma Fornero, ha determinato requisiti molto più rigorosi per l’accesso alla pensione spostando in avanti l’età ed innalzando i requisiti contributivi anche attraverso una serie di meccanismi particolarmente rigidi e penalizzanti. L’effetto è stato che molte persone con l’aspettativa di andare in pensione hanno dovuto ampiamente rivedere i propri piani di vita. Inoltre il percorso di approvazione della legge e dei provvedimenti applicativi è stato particolarmente lungo e tortuoso; ciò ha determinato nei cittadini interessati un senso di smarrimento ed incertezze sulle proprie aspettative ai quali abbiamo cercato di dare prontamente una risposta. Peraltro come è noto il Parlamento sta ancora lavorando su diversi punti della riforma e ci aspettiamo ancora novità e precisazioni in merito. Più in generale al giorno d’oggi occorre che le persone abbiano un occhio più attento alla loro situazione previdenziale lungo tutto il corso della vita onde evitare brutte sorprese al momento del pensionamento. La carriera lavorativa diventa infatti sempre più frammentata e diventa opportuno ogni tanto verificare le regole vigenti presso enti come il nostro anzichè rinviare tutte le verifiche solo al momento del pensionamento.

3. Può spiegarci più dettagliatamente la vicenda degli esodati/salvaguardati a cui ha fatto riferimento poco fa?

In estrema sintesi si tratta di cittadini ormai piuttosto vicini al pensionamento, in particolari condizioni non più di lavoro ma con una qualche forma di sostegno che consentiva, con le vecchie regole, di essere accompagnati fino alla pensione. Poichè la riforma Fornero ha spostato in avanti i requisiti per arrivare ad essa rischiavano di trovarsi per un periodo anche lungo senza lavoro, senza pensione e senza alcuna copertura. Su questa vicenda la politica ed i mass-media hanno alimentato molta confusione e spesso purtroppo si è esercitata la demagogia, con continue proposte e retromarce che non hanno fatto che rendere più acuta l’ansia dei cittadini coinvolti. D’accordo stiamo vivendo una forte crisi economica tuttavia non bisogna dimenticare che dietro ai freddi numeri ci sono persone con i propri progetti di vita che hanno diritto di sapere con chiarezza ciò che li aspetta. Il Patronato Acli, a livello di direzione centrale, ha recentemente curato una pubblicazione per “Il Sole 24 ore” in cui chiarisce nel dettaglio gli aspetti principali della vicenda. Ciò anche a dimostrare le considerazioni ed il livello dei servizi di consulenza che la nostra organizzazione è in grado di mettere in campo.

4. Ci sono altre riforme che toccano da vicino il mondo del patronato Acli?

Recentemente si sono poste all’attenzione dell’opinione pubblica alcune riforme che il governo ha intenzione di portare avanti in ambito sociale, sanitario ed amministrativo che interessano chi come noi si trova ad incontrare quotidianamente le persone con i loro bisogni. Sembra che si affermi un approccio alle riforme tutto incentrato sulla riduzione della spesa e dei servizi e ciò non ci trova favorevoli. Anche i patronati paiono destinatari di un provvedimento specifico di riduzione del finanziamento pubblico che se applicato ci costringerà a ridurre i nostri servizi proprio in un momento in cui essi sono sempre più richiesti.

5. L’impatto di queste riforme quindi disegna proprio un Welfare diverso?

Senza dubbio siamo ad un tornante della storia dove i cambiamenti non sono solo episodi a se stanti ma sono legati alle trasformazioni economiche del nostro paese e del contesto internazionale. Stiamo assistendo ad una progressiva diminuzione dell’intervento pubblico nel welfare un po’ a tutti i livelli. Occorre certamente rivedere la spesa per i servizi facendo un’analisi selettiva degli interventi non riducendo la spesa sociale ma utilizzando in maniera migliore le risorse presenti, che non sono poche, ma devono essere meglio distribuite. Si rende quindi ancora più necessaria una maggiore sinergia fra gli enti pubblici che si occupano di salute, previdenza, di assistenza sociale e le organizzazioni del privato sociale come la nostra che possono dare un contributo con le loro competenze. Organizzazioni come le nostre, proprio perchè sono immerse nella società sono in grado di intercettare i bisogni sociali, anche inespressi, e possono aiutare ad orientare l’azione pubblica ed i criteri della sua riforma.

 Michele Alluigi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: