venerdì, Gennaio 24, 2020
Home > Attualità > “Io non rischio”: domani incontro con i volontari in piazza delle Nazioni

“Io non rischio”: domani incontro con i volontari in piazza delle Nazioni

“Il sistema di Protezione civile della Liguria è all’avanguardia a livello nazionale, ha fatto tesoro delle esperienze del passato e può essere citato ad esempio per la capacità di previsione e intervento negli eventi emergenziali”. Lo ha detto ieri il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, intervenendo alle celebrazioni per i dieci anni della Fondazione Cima. Borrelli ha ricordato anche la campagna nazionale “Io non rischio” prevista nella giornata di domani, sabato, rivolta a diffondere la cultura della prevenzione. Domani le piazze di Genova, Savona, Imperia e La Spezia saranno animate da centinaia di volontari con punti informativi per diffondere la conoscenza dei comportamenti più idonei da adottare in caso di emergenza e sensibilizzare i cittadini sul rischio sismico, alluvionale e sul maremoto.

In particolare a Genova è previsto un trekking urbano con l’opportunità di sperimentare alcune disabilità, in concomitanza con i Giochi Giovanili Paralimpici Europei. A Imperia si svolgerà una gimkana ciclistica nel parco urbano San Leonardo, organizzata per i bambini delle scuole elementari. Alla Spezia, caccia al tesoro da piazza del Bastione. A Savona, in piazza delle Nazioni, alle spalle delle medie Guidobono, incontro tra volontari e cittadinanza dalle ore 10 alle ore 18 e caccia al tesoro per famiglie e ragazzi a partire dalle ore 15.

L’edizione 2017 coinvolge volontari e volontarie appartenenti a oltre 700 realtà associative, tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni locali di tutte le regioni d’Italia. “Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento, tra gli altri, anche di Cima Research, la fondazione che ha sede nel Campus di Savona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *