Attualità

“Io non rischio”: domani incontro con i volontari in piazza delle Nazioni

“Il sistema di Protezione civile della Liguria è all’avanguardia a livello nazionale, ha fatto tesoro delle esperienze del passato e può essere citato ad esempio per la capacità di previsione e intervento negli eventi emergenziali”. Lo ha detto ieri il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, intervenendo alle celebrazioni per i dieci anni della Fondazione Cima. Borrelli ha ricordato anche la campagna nazionale “Io non rischio” prevista nella giornata di domani, sabato, rivolta a diffondere la cultura della prevenzione. Domani le piazze di Genova, Savona, Imperia e La Spezia saranno animate da centinaia di volontari con punti informativi per diffondere la conoscenza dei comportamenti più idonei da adottare in caso di emergenza e sensibilizzare i cittadini sul rischio sismico, alluvionale e sul maremoto.

In particolare a Genova è previsto un trekking urbano con l’opportunità di sperimentare alcune disabilità, in concomitanza con i Giochi Giovanili Paralimpici Europei. A Imperia si svolgerà una gimkana ciclistica nel parco urbano San Leonardo, organizzata per i bambini delle scuole elementari. Alla Spezia, caccia al tesoro da piazza del Bastione. A Savona, in piazza delle Nazioni, alle spalle delle medie Guidobono, incontro tra volontari e cittadinanza dalle ore 10 alle ore 18 e caccia al tesoro per famiglie e ragazzi a partire dalle ore 15.

L’edizione 2017 coinvolge volontari e volontarie appartenenti a oltre 700 realtà associative, tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni locali di tutte le regioni d’Italia. “Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento, tra gli altri, anche di Cima Research, la fondazione che ha sede nel Campus di Savona.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: