Attualità

Italcoke: a dicembre operativo il “transfer car”

Italiana Coke ha in corso di realizzazione le opere di miglioramento previste nel piano di sviluppo produttivo e di riqualificazione ambientale 2010-2012 che prevede un investimento complessivo di 30 milioni di euro, Interventi che trovano attuazione in diversi settori, dalla movimentazione delle materie prime e dei prodotti su linea funiviaria e ferroviaria alla captazione delle polveri durante lo sfornamento e lo spegnimento del coke. Opere che rappresentano il principale investimento di Italiana Coke non solo sotto il profilo tecnico-economico, ma anche per l’impegno operativo, vedendo impegnati, oltre al personale in forza all’azienda, circa 100 unità lavorative dell’indotto di cui circa il 70% provenienti dal Savonese e zone limitrofe.

Tra gli interventi in fase di realizzazione figura il nuovo sistema “Transfer Car” che, unitamente alla costruzione della nuova torre di spegnimento, assicurerà un’ulteriore sostanziale diminuzione delle emissioni in atmosfera dello stabilimento di San Giuseppe di Cairo. Gli elementi principali del nuovo sistema sono in fase di approntamento sul versante sud-est dello stabilimento, in direzione Bragno. In particolare sono visibili il filtro a maniche di cui è completato il montaggio della struttura principale, dei ventilatori di aspirazione e degli impianti di raccolta del polverino di coke aspirato; il condotto di scarico dell’aria filtrata, alto 25 m.; il condotto di aspirazione che corre lungo tutto il fronte delle batterie forni (già realizzato per circa il 40%); la nuova guida coke, completa di cappa di aspirazione (il cosiddetto “Transfer Car”), per la quale nel mese di aprile si era svolto il collaudo funzionale presso le officine del costruttore e di cui, ad oggi, si è completata l’installazione della struttura portante, delle cabine idraulica ed elettrica e dei principali dispositivi meccanici della macchina (gruppi di traslazione, dispositivi di movimentazione e pulizia delle porte). Il sistema Transfer Car prevede inoltre la realizzazione di infrastrutture accessorie quali la cabina elettrica e la nuova linea di alimentazione (per cui sono in corso le attività di inserimento dei quadri elettrici e di controllo) e le infrastrutture portanti (già realizzate per circa il 40%). Il programma lavori prevede anche l’installazione complessiva dei moduli dell’impianto entro il prossimo mese di settembre. Seguirà una fase di start-up dell’impianto e di addestramento del personale che consentirà l’operatività del sistema entro dicembre 2012, conformemente a quanto previsto nell’Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata all’azienda nel gennaio 2010.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: