Musica

Itinerari: Valsusa e Via Lattea fra neve arte e gastronomia

Cesana Torinese – Perché mai passare le vacanze di Pasqua in montagna, quando ormai la primavera avanza e il caldo comincia a farsi sentire? Molto semplice, almeno per la Val Susa e dintorni, perché qui non si vive di soli sport invernali, ma di molteplici attività e possibilità, ed in più, la cucina di quest’angolo di Piemonte è veramente degna di un … assaggio. La Val Susa ed il comprensorio della Via Lattea, sono facilmente raggiungibili dalla Liguria con un paio d’ore di autostrada (Savona-Torino e poi tangenziale ovest di Torino, quindi direzione Frejus sino all’uscita di Ulzio), ed in più avrete il vantaggio di evitare le code che, invece, potrete ammirare sulla carreggiata opposta in direzione pianura-mare. Viaggio in tutto relax e niente problemi di posteggio all’arrivo in valle.

Il comprensorio sciistico della Via Lattea, è bene ricordalo, è il più vasto comprensorio italiano sci ai piedi, con circa 400 km di piste tutte collegate fra loro da moderni impianti di risalita, senza bisogno di alcun spostamento con bus o mezzi stradali. E’, per l’esattezza, un comprensorio internazionale, perché una delle località collegate, Monginevro, si trova in territorio francese, vicinissima a Clavière, sotto il severo massiccio dello Chaberton, 3131 metri. Dalla parte opposta, sul versante francese, i monti si fanno più alti ancora, sino a culminare nei 4102 metri degli Ecrins. Le piste sono tutte in quota, comprese fra i 1350 metri di Cesana e i 2800 della parte alta del Sestriere. L’innevamento a fine marzo e ai primi di aprile è, in genere, ancora buono, e permette di divertirsi per gran parte della giornata; soprattutto al mattino, complice l’ora legale, i versanti meno esposti godono ancora di una eccellente qualità della neve. Naturalmente un comprensorio così vasto è diviso in settori: proprio al centro troviamo il paese di Cesana Torinese, costituito da un bel centro storico, senza grandi costruzioni a deturpare il paesaggio. Da Cesana si può sciare sul versante della frazione Sansicario, per collegarsi in quota con Salice d’Ulzio o con Sestriere. Le piste di Salice e Sansicario sono molto belle e rilassanti, perché spesso in mezzo al bosco, ma in questa stagione conviene forse puntare sui 2000-2800 metri del Sestriere per trovare una neve di migliore qualità. Dalla parte opposta, sempre partendo da Cesana, si sviluppa il settore Monti della Luna-Clavière-Monginevro, con impianti che raggiungono comunque i 2600 metri di quota. Anche qui le piste variano molto, dalle rosse di media difficoltà dei Monti della Luna, alle belle piste facili del settore Gondrands di Monginevro, sino alle più impegnative Brousset e Tetras, sempre a Monginevro. Ma torniamo al cuore del comprensorio, Cesana Torinese, località ideale e strategica, perché, come detto, da qui si possono facilmente raggiungere, sia con gli sci che in auto, tutti i centri della Via Lattea. E, proprio al centro del paese, sulla strada che porta al colle del Sestriere, si trova un eccellente punto di ristoro, un bar trattoria, situato accanto all’unico distributore di benzina del paese, con di fronte banca e farmacia: veramente un luogo strategico! La Cantina del Sole (Via Roma, 7 tel. 0122.897266 – aperto a pranzo e a cena) ha la sua eccellenza nell’alta qualità dei prodotti, prodotti del territorio naturalmente, che il gestore, il simpatico Emmanuel Bouvier, vi proporrà secondo il menù di giornata. Preparatevi dunque a degustare l’ottimo tagliere con salumi e formaggi della valle, ed una meravigliosa ricotta fresca accompagnata da miele e noci. Fra i primi piatti, vi segnalo un saporito risotto al cioccolato, e se non siete ancora sazi (le porzioni sono alquanto abbondanti), potrete scegliere fra la carne, ottima, e, a volte, anche un buon pesce. Dolci casalinghi e buona scelta di vini, il tutto ad un costo molto contenuto, in media 15 euro a testa, o sui 25-30 euro, se siete in grado di reggere tutte le portate ; ma bisogna davvero aver fatto molto sport! E, a merenda, a Cesana si gustano i “gofri”, croccanti cialde dolci o salate che si possono acquistare in paese in caratteristici chioschi. Per quanto riguarda invece il pernottamento, le offerte della Via Lattea sono molteplici, dal classico Principi di Piemonte del Sestriere, al raffinato Chalet Blanc di Monginevro, sorto nel nuovo insediamento dell’Obelisco (www.hotellechaletblanc.com), ma è bene consultare gli uffici del turismo per conoscere le offerte di Pasqua, che spesso comprendono anche lo skipass durante i giorni di permanenza (www.turismotorino.org/alpialtavalsusa e www.montgenevre.com). A pochi chilometri dalle località di sci, la Val Susa offre tesori d’arte di rara bellezza. Susa, il capoluogo della valle, è sede vescovile e merita sicuramente una visita. Dal museo diocesano, situato accanto all’antica chiesa della Madonna del Ponte, che contiene veri capolavori, alcuni risalenti al XII secolo, all’arco di Augusto, eretto nell’8 a.C., dalla cattedrale di San Giusto, all’interessante centro storico, la cittadina è circondata da ampi spazi verdi e contornata dallo spetttacolo delle vette alpine innevate. A soli 8 km a nord, sulla strada per il Moncenisio, a 822 metri di quota, si trova l’antica Abbazia della Novalesa, centro della cultura benedettina, risalente all’VII secolo. Sull’altro versante, quello francese, la cittadina di Briançon, ad una mezz’ora d’auto da Cesana, merita una visita; situata all’incrocio di ben cinque valli, oltre a far parte dell’area sciistica di Serre Chevalier, circa 250 km di piste che raggiungono i 2800 metri, presenta un borgo storico, fortificato dal celebre architettoVauban, molto interessante da visitare. Vi troverete anche una dimora detta “casa del papa”; ed il pontefice che vi soggiornò per alcuni mesi, nel 1799, fu il cesenate Pio VI, che morì nello stesso anno a Valence. Il suo successore, Pio VII, anch’egli di Cesena, verrà arrestato su ordine di Napoleone, che, nel 1809, lo terrà prigioniero per tre giorni a Grenoble e, successivamente, per quasi tre anni a Savona. Che altro ancora si può fare fra italia e francia? Una rilassante visita alle piscine termali e centro benessere di Les Monetier-les-Bains, a circa dieci minuti da Briançon, una emozionante discesa sulla monorotaia di Monginevro, un giro con la motoslitta, una passeggiata con le ciaspole, sci di fondo, una puntata al Casinò di Briançon, o, infine, a les Alberts di Monginevro, un volo in mongolfiera! (www.pcadventurecompany.com)

Filippo De Nobili

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: