Cultura e Musica

La battaglia di Matapan

Battaglia-di-Matapan-Particolare-di-corazzata

BATTAGLIA DI MATAPAN
La flotta militare italiana durante la Seconda Guerra Mondiale, nel Mediterraneo, è la più numerosa.
Ha, però, gravi punti deboli: le munizioni difettose; la mancanza di carburante; niente portaerei e,
soprattutto, la mancanza del radar. Gli italiani non sanno nemmeno che il radar ce l’hanno i
britannici.
Nel novembre del 1940 i britannici, con gli aerosiluranti, attaccano la base di Taranto mettendo
fuori combattimento tre corazzate italiane. La superiorità numerica viene meno. Dopo alcune
scaramucce, il 28 marzo 1941, avviene la battaglia di Matapan, che mette in luce tutte le carenze
della flotta italiana.
Una squadra italiana, al comando dell’ammiraglio Iachino, parte per una missione nel Mediterraneo
orientale. I britannici sanno tutto sull’operazione italiana, grazie ai servizi segreti, che conoscono il
codice tedesco con il quale viene trasmessa in Germania la notizia della missione.
La flotta britannica, al comando dell’ammiraglio Cunningham, tende una trappola a quella italiana.
Di notte, grazie al radar che permette ai britannici di vedere perfettamente, avviene l’attacco. Tre
incrociatori italiani sono distrutti. Circa seicento naufraghi italiani, abbandonati a se stessi, muoiono
per la maggior parte in modo terribile.
Si salva solo l’eroismo dei marinai, sacrificati in una guerra che l’Italia è impreparata ad affrontare.
A salvare l’onore della Regia Marina ci pensano i marinai dei MAS che compiono imprese ai limiti
dell’incredibile.
Igor Belansky

Battaglia-di-Matapan-Particolare-di-corazzata
Battaglia-di-Matapan-Guido-Vincon-MAS
Battaglia-di-Matapan-Ammiraglio-Iachino

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: