Cultura e Musica

La Bohème e il Don Giovanni al Priamàr di Savona

Al teatro Chiabrera,  c’è stata la presentazione della stagione lirica estiva dell’Opera Giocosa. Secondo Ferdinando Molteni, primo a prendere la parola in rappresentanza del sindaco Federico Berruti, “un miracolo che ogni anno si ripete: sappiamo quando si parte ma non si sa mai se si arriverà fino in fondo”.Parole dure che aprono all’approfondimento di Tito Gallacci, presidente del Teatro di Tradizione dell’Opera Giocosa: “L’opera nasce così, con costi altissimi. Per un giorno di rappresentazione si spendono a Savona 150 mila euro, 500 mila al Teatro alla Scala di Milano.

La nota lieta è il contributo a livello ministeriale non diminuito, anzi leggermente aumentato, testimone di apprezzamento per il nostro lavoro. È nella realtà locale – continua Gallacci – che le cose si complicano: la Regione, rispetto alla scorso anno, diminuisce il suo contributo del 70%, la Provincia del 100% (eccettuata l’esigua somma di 5 mila euro), il Comune fa quel che può. Potrebbero fare di più? Ci rispondono di no”.È tutto un “botta e risposta” tra Gallacci e Molteni, la prima parte della conferenza stampa, allietata al suo inizio e negli intermezzi dal quartetto di clarinetti “Oogenesi” del Conservatorio di Musica Puccini di La Spezia (Le nozze di Figaro, il Don Giovanni, Il Flauto magico).Riecco le note dolenti: “Potevamo approfittare delle maestranze del Carlo Felice, per diminuire i costi della stagione, perché non avevano programmazioni in corso in quei giorni, ed abbiamo detto sì pagando solo le trasferte. Poi ci sono le coproduzioni – precisa Gallacci -, che permettono di dividere i costi in un quarto a testa, come nel caso della Bohème. E c’è da riflettere, se questi sono i soldi che abbiamo, sul fatto che l’allestimento di un teatro all’aperto, come nel caso del Priamàr, faccia lievitare le cifre del 25-30% (pure i cantanti chiedono di più)”. Afferma ancora il presidente dell’Opera Giocosa: “L’allestimento della fortezza costa 78 mila euro, di cui 42 mila euro pagati dal Comune. La diminuzione del contributo della Regione corrisponde a 250 mila euro, che poi è il costo di uno spettacolo intero, come la Bohéme appunto”. Riassume Gallacci: “Questa sarà l’ultima stagione lirica estiva? Se avremo a disposizione solo il contributo del Ministero si potrà fare solo la stagione autunnale. In questo quadro – prosegue ancora il presidente – attendiamo l’esito della stagione estiva prima di annunciare la stagione autunnale che, vi anticipo, dovrebbe essere composta da due titoli ‘piccoli’ ed uno ‘grande’”.Riprende la parola Molteni: “I tagli alla cultura dell’Amministrazione comunale sono stati del 40%, ma il contributo per la Giocosa è rimasto inalterato. Vorrei ancora precisare che il Teatro Felice non è un Teatro genovese, ma di tutta la Liguria, e così la sua Orchestra, sostenuta dal denaro di tutti i liguri, ecco perché è giusto approfittarne per diminuire i costi di una stagione”.Spazio tiranno, e registriamo poche parole per il lungo intervento di Giovanni Di Stefano, direttore artistico del teatro dell’Opera Giocosa, che ha valorizzato, con le sue consuete accattivanti parole, il cartellone estivo. Prepariamoci a piangere alla Bohéme (“Perché – dice – se non si piange al quarto atto significa che non è venuta bene”) e accorriamo al Don Giovanni perché “anche se è l’opera che oggi risulta la più rappresentata al mondo, è anche la più difficile per tutti (regia, musicisti, cantanti, etc.)”.

Laura Sergi

 

Il cartellone

Venerdì 22 giugno ore 21.15 (repl. sabato 23 giugno): “La Bohème” di Giacomo Puccini, 4 quadri su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa. Direttore: Stefano Romani. Regia: Ivan Stefanutti.Martedì 10 luglio, ore 21.15 (Anteprima Due Generazioni a Teatro, repl. sabato 14 e domenica 15 luglio): “Don Giovanni” di Wolfgang Amadeus Mozart, due atti su libretto di Lorenzo Da Ponte. Direttore: Giovanni Di Stefano. Regia: Elisabetta Courir.Venerdì 20 luglio, ore 21.30: “Musical: la passione di Broadway”, Orchestra Sinfonica di Sanremo diretta da Ender Sakpinar. Soprano: Silvia Lorenzi.Martedì 31 luglio, ore 21.30: “Concerto Sinfonico”, musiche di Ottorino Respighi, Orchestra del Carlo Felice di Genova, diretta da Giancarlo De Lorenzo. In programma: “Trilogia Romana”.

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: