Sport

La Canottieri Sabazia riapre i battenti dopo lo stop del Covid-19

il gruppo a Mantova ai primi di giugno 2019

Seppur con le difficoltà dettate dal distanziamento sociale, il Consiglio Direttivo della Canottieri Sabazia ha deciso la riapertura della sua sede, a partire da venerdì 29 maggio, quando i primi sportivi saranno convocati per un’inusuale allenamento solo in barca singola (eccezion fatta per gli atleti conviventi).
I tecnici Laura Bentivoglio ed Emanuel Cabib, anche in piena emergenza dettata dal Covid-19, non hanno mai mancato di invitare i loro giovani a continuare gli allenamenti in casa, fornendo programmi da seguire con la scelta di attrezzi e pesi “casalinghi”.
Ma ora, per tutti i Sabazini, inizia un periodo nuovo, con la sede allestita per rispondere al meglio alla situazione in essere: cartelli ovunque invitano al lavaggio frequente delle mani con soluzione disinfettante o con il sapone, a mantenere il distanziamento sociale grazie alla segnaletica tracciata sul pavimento, un apposito registro terrà conto di chi entra e chi esce (e in quali orari), gli sportivi autonomi dovranno prenotarsi onde evitare affollamento in sede, i genitori non potranno più assistere alle “acrobazie” dei piccoli perché anche la terrazza avrà lo scopo di servire da stanza di attesa onde evitare che due persone possano incrociarsi nei corridoi…
Purtroppo, rimarrà chiuso il locale palestra fino a data da destinarsi.
Un Protocollo di 4 pagine, stilato tenendo conto di tutte le situazioni, dovrà essere approvato da ogni atleta prima del suo ingresso nella sede (per i minorenni, ovviamente, a cura di chi esercita la patria potestà), assieme a una dichiarazione in cui, tra le altre cose, si firmerà di non avere sintomi di febbre oltre i 37,5°C, impegnandosi a informare la Canottieri Sabazia qualora le circostanze dovessero mutare.
Ma la Società farà anche di più: misurerà la temperatura di ognuno che varcherà la soglia (obbligato a indossare la mascherina), e controllerà che ogni sportivo, a fine allenamento, igienizzi la propria canoa.
Un lavoro superbo per piccoli gruppi di sportivi (max 6 persone per gruppo in compresenza di due tecnici, onde assicurarsi al meglio sul rispetto delle procedure).
I 95 anni dalla nascita della Canottieri Sabazia si festeggeranno in questo modo anomalo: l’importante sarà esserci e tenere alti i migliori principi che da sempre ci contraddistinguono.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: