Cultura e Musica

La Ceramica…

di Gabriella De Gregori

La ceramica o meglio la TERRA è il comune denominatore di eventi in contemporanea a Savona ed Albisola. Questa concomitanza è ricca di significati: vuol dire che la tradizione continua a vivere nel nostro territorio in cui si è ben radicata l’Arte dei Vasai, e non solo. Nella nostra genetica culturale si riscontra un cromosoma in più: la dipendenza dall’argilla, il suo uso e la proliferazione di artisti e artigiani, italiani e stranieri, che si confrontano con questo materiale umile (ricordiamo che l’aggettivo deriva da humus del latino) ma ricco al tempo stesso che diventa pregiato nelle mani di eccellenti Maestri. Il Vento è il tema al quale si sono ispirati alcuni artisti partecipanti alla collettiva organizzata dal comitato di rigore Artistico di Albisola Marina nelle Cellette del Priamar: alcune opere  hanno il pregio di animarsi con le varie possibilità plastiche dell’argilla che può diventare sottile come un foglio di carta o rimanere massiccia e ricoprirsi di smalti policromi oppure mostrare la sua essenza terrosa. Il visitatore rimane senz’altro appagato dalla varietà degli stili e delle tecniche con cui si sono espressi: Anna Bernasconi, Anna Gioia, Anna Maria Galleano, Anna Maria Rossini, Andrea Roggi, Bianca Piva, Brenno Pesci, Carmen Barbini, Claudio Manfredi, Damiana Ciferri, Dolores De Giorgi, Elisa Giacometti, Enrica Noceto, Gabriella Sacchi, Gabry Cominale, GermanaRossi, Gianna Picca Garino, Gianni Piccazzo,Gilda Brosio,Giovanna Sturmiolo,Gugliemo Marthyn,Ichiyo Sawada, Laura Gorrea, Laura Macchia, Laura Peluffo, Leonardo Bartolini,Luca Damonte,Luca Ferrando,Manuela Incorvaia,Mara Tonso,Marco Gattinoni,Margherita PiumattiMaria Grammatico,Mariella Relini, Marina Capra, Maurizio Grandinetti,Milena Alluto, Nora Polenghi,Paola Occorsio, Renza LauraSciutto,Roberto Scarpone,Rossana Gotelli,Rosanna La Spesa, Rossano Cavalli, Sandra Baruzzi, Silvana Maltese, Sonja Perlinger, Susanna Locatelli,Tullio Mazzotti,Vincenzo Randazzo. Mentre la sinergia Savona – Albisola è confermata e più salda e determinata come in passato. Anche nelle personali di Danilo Trogu e Roberto Gaiezza troviamo esperienze nate dalla arte figulina. Per Trogu è la materia che gli permette di presentare un  suo pensiero che unisce il concettuale al gioco mentale in una sorta di divertimento intellettuale: edifici a capo in giù come se appartenessero all’altro emisfero. Uno stimolo a comprendere meglio l’esistere e l’umanità: dove come e perché l’Uomo si è incamminato verso il futuro che è già passato, come ci dicono dei “modellini di abitazioni ” ognuna con il suo punto di partenza sperimentato nella realtà e una sua indicazione precisa da parte dell’Artista. Anche le sagome accartocciate dei modellini delle case  nella loro essenziale struttura come le disegniamo da piccoli. L’Artista vuole che il visitatore partecipi al gioco dove le case hanno un’anima, e benché fatte di parte solide fanno intravedere delle interiorità simboliche. Casa come me, ci dice Danila Trogu : l’uomo si identifica con la sua “tana”ed essa si fa santuario del proprio IO. Altra nota di sacralità è nel titolo di Roberto Gaiezza: “La pittura come un saio”. Le sue espressioni artistiche oscillano tra collages materici e profondi interventi cromatici sulla terra, di modo che l’uno penetra nell’altra e viceversa con il gesto  deciso con il quale l’Artista esprime  il pensiero, l’emozione o il suo messaggio mentre l’atmosfera è tesa per un sentimento di introspezione drammatica anche dove il chiaro prevale sulle tinte scure.

La mostra presso la Eleutheros ad Albisola Marina di Danilo Trogu sarà visitabile fino al 3 novembre, le altre rispettivamente alle Cellette del Priamàr e presso la Galleria Gulli di Savona termineranno il 30 ottobre.

Redazione
the authorRedazione

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: