Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

La chiesetta di S.Lucia si illumina nel segno della tradizione cristiana e della cultura

Con l’evento Savona Re-Start Christmas 2021 dopo quasi due anni la città è pronta a ripartire confidando in un pronto rilancio. A partire dall’11 novembre, nonostante le limitate risorse disponibili , dopo Piazza Sisto gremita di cittadini in fremente attesa dell’accensione dell’albero di Natale e presenti al Concerto della Street Band per la Pediatria, il grande programma di intrattenimento natalizio per tutte le età voluto dall’amministrazione, si è spostato nei plessi religiosi facendo sì che si riaccendesse l’attenzione attorno a questi splendidi luoghi del cuore ridandogli centralità. Nei quattro i blocchi principali di iniziative progettati da Nicoletta Negro, neo Assessore alla Cultura, è compresa l’apertura gratuita dei Musei civici, così come dellaTorre del Brandale e della Cappella Sistina. Anche gli oratori delle confraternite hanno aderito alla manifestazione consegnandosi in tutto il loro splendore all’attenzione dei savonesi.Non poteva di certo mancare la cappelletta di S. Lucia sede storica dal 1889 della Confraternita dei S.S. Agostino e Monica. Nel pomeriggio di giovedì 30 dalle 15 alle 17, il f.f. Priore cav. Pizzorno circondato dai suoi solerti collaboratori, ha accolto numerosi visitatori curiosi di conoscere le bellezze custodite in quello che è considerato un tempietto della “savonesità”. La piccola chiesa (ancora in ghingheri per la recente festività del 13) con la sua a navata unica e presbiterio quadrato è di fatto il riuscito rifacimento seicentesco di un più arcaico edificio di epoca imprecisata di cui si vede ancora il profilo nell’attuale sacrestia con terrazzino semicircolare che ricalca l’antico abside. Sia l’interno che l’esterno le forme sono semplici e lineari e prive di decorazioni sfarzose. Un dipinto in facciata e una tela in stile liberty all’interno di fianco all’unico altare, riproducono l’immagine di Santa Lucia a cui il luogo di culto è dedicato. Vi sono inoltre conservate due “casse” per la Processione del Venerdì Santo di Savona. Si tratta de L’incoronazione di spine di Anton Maria Maragliano del 1710 e de Il bacio di Giuda di Giuseppe Runggaldier del 1926. Prima che venisse costruito negli anni trenta il sottostante viadotto della Via Aurelia, l’edificio si trovava a picco sul mare e salutava sia chi entrava a Savona via terra che via mare. Per tali motivi spesso vi si recava per trovarvi ispirazione il sommo poeta Gabriello Chiabrera, a cui il luogo fu sempre molto caro tanto da definirlo la sua “Siracusa”. Da tempo la Confraternita si è caratterizzata per la ricerca del messaggio divino attraverso l’arte. Prova ne sono le innumerevoli occasioni di incontro spirituale con i fedeli tra cui spicca il Premio Alessandro Coretti (giunto alla 4^ edizione). Anche per il 2022 sono previste conferenze a tema, seminari, esibizioni musicali. Si esordirà dal 5 al 19 febbraio con la Mostra Fotografica “Savona : centro storico oggi in bianco e nero” promosso dall’Associazione “R.Aiolfi”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: