Cronaca

La crisi colpisce anche gli stabilimenti balneari

La crisi colpisce gli stabilimenti balneari con una doppia scure. Al calo delle presenze si somma, tra chi ha scelto lo stabilimento balneare, il calo della spesa nei servizi di ristorazione, bar o tavola fredda di chi ha comunque scelto i bagni marini.In base allo uno studio di Coldiretti “La crisi cambia la spesa e le vacanze degli italiani”, illustrato nel corso dell’assemblea nazionale dal presidente Sergio Marini, un italiano su tre (33%) rispetto al passato ha deciso di evitare il ristorante e di cucinare o preparare da solo i cibi da portare in spiaggia. Una percentuale quasi doppia rispetto allo scorso anno chi sceglieva il “pranzo al sacco” quando erano appena il 19% dei bagnati.
“Forse il dato del 33% è troppo elevato – afferma il presidente del Sib di Savona Enrico Schiappapietra (nella foto) – ma è vero che oltre al calo delle presenze c’è, a ricaduta, un calo della spesa anche da parte di chi ha scelto i bagni marini per le vacanze balneari. La crisi c’è e si fa sentire a 360 gradi, compresa la ristorazione. C’è chi non vuole rinunciare ai servizi che solo gli stabilimenti balneari sono in grado di offrire, ma nel farlo taglia riduce altre voci di spesa”. Secondo l’indagine Coldiretti/Swg tra i cibi da spiaggia più gettonati figurano la frutta (74%), i salumi (67%) e i formaggi (57%), oltre al pane (70%), ma non manca chi sceglie le verdure (33%) o piatti pronti (22%) come pasta e riso freddo, pasticcio e lasagne.
Enrico Schiappapietra torna poi sul “caso Bolkestein” e sulla protesta dei balneari che hanno esposto la bandiera nera contro l’applicazione della direttiva Ue. “Abbiamo adottato questa forma di protesta con il sostegno delle amministrazioni locali, regioni, provincie e comuni – afferma Schiappapietra – perché è un intero territorio che si ribella. Inizialmente i clienti non capivano la nostra protesta, poi quando abbiamo spiegato che con le gare gli stabilimenti balneari rischiano di andare a grossi gruppi, tipo MacDonald’s o magnate russo di turno, con il rischio di avere spiagge dai prezzi inaccessibili o comunque elevati, hanno capito

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: