Cronaca

La diocesi piange don Delfino

La diocesi piange la scomparsa di un proprio sacerdote e parroco: nel pomeriggio di oggi si è spento all’ospedale San Paolo di Savona – dove era ricoverato da diverse settimana per l’improvviso peggioramento delle sue condizioni di salute – don Gerolamo Delfino, 73 anni di cui gli ultimi trenta trascorsi come titolare della parrocchia del Sacro Cuore di Gesù a Savona. E proprio nella chiesa di corso Colombo sarà allestita la camera ardente: la salma di don Delfino sarà trasferita dall’ospedale Valloria domani pomeriggio intorno alle 16, quindi seguirà un momento di preghiera e il rosario. I funerali saranno invece celebrati dal vescovo Vittorio Lupi dopodomani, venerdì 17 febbraio, alle 10 sempre nella chiesa del Sacro Cuore.

Nato ad Arenzano il 10 dicembre 1938, don Gerolamo aveva però sempre vissuto nella vicina Cogoleto. Ordinato sacerdote il 22 dicembre del 1962, aveva iniziato la propria esperienza pastorale come viceparroco prima a Legino, quindi a Zinola e infine a san Giuseppe nell’Oltreletimbro. Per molti anni fu anche insegnante di religione nelle scuole, in particolare al liceo scientifico Orazio Grassi di Savona. Da ricordare anche i suoi ripetuti incarichi nell’ambito amministrativo: tra gli anni ’70 e ’90 fu ad esempio vicedirettore dell’Ufficio amministrativo della Curia, segretario del Consiglio diocesano affari economici, membro del consiglio affari economici dell’opera Mater Misericordiae e presidente del consiglio di amministrazione dell’Istituto diocesano sostentamento clero.
Nel novembre del 1982 divenne parroco del Sacro Cuore di Savona dove, specie all’inizio della sua esperienza pastorale, lanciò diverse iniziative: commissionò allo scultore Lorenzini le vetrate della chiesa scegliendone di persona i soggetti biblici e provò a sperimentare, con don Giovanni Lupino e don Lello Paltrinieri, un progetto di vita comunitaria dei sacerdoti. Per due mandati fu anche vicario foraneo dell’allora zona pastorale “Savona 2”.
Brillante, intelligente, ironico, dal carattere forte e orgogliosamente ligure – così come lo ricordano amici e confratelli – don Delfino era un uomo di grande cultura: appassionato di ebraismo cercava sempre il dialogo ecumenico con le altre fedi, anche nella sua esperienza pastorale al Sacro Cuore. La sua personalità e il suo modo di intendere il ministero lo portarono a farsi promotore di iniziative “forti” e per certi versi provocatorie. Nei tempi forti dell’anno liturgico, in particolare durante la Quaresima, faceva spesso tenere l’omelia da un laico e in ultimo, proprio nel novembre scorso, decise di affiggere alla porta della sua parrocchia le ricevute dei pagamenti ICI mentre infuriava la polemica sulla Chiesa e le tasse sugli immobili. Questo gesto valse a don Delfino il plauso del vescovo Lupi, che lo suggerì anche ad altri parroci, e un articolo sul quotidiano nazionale Avvenire.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: