Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

La forza della preghiera interreligiosa nella chiesa “senza tetto”

S’è svolta sabato sera a Legino, in località Bricco, sulle alture alle spalle dell’abitato, una speciale cerimonia di preghiera presso la chiesetta dei Ss. Pietro e Paolo, detta ormai ‘senza tetto’ in quanto segnata dallo scorrere inesorabile del tempo visto che risale all’anno 1000 e ne sono rimasti solo i muri perimetrali compreso il bellissimo abside in stile romanico (il prato fa infatti da pavimento). Alla presenza del Vescovo Mons Calogero Marino e del parroco don Giuseppe Noberasco, hanno preso parte alla spontanea e semplice funzione anche i rappresentanti delle altre confessioni religiose presenti in città: Musulmani, Induisti, Buddisti, Evangelici, Ortodossi romeni, cattolici ucraini e indiani.Dopo un breve saluto di benvenuto da parte del Parroco, il lungo corteo di persone (fra cui moltissimi i bambini) hanno raggiunto la chiesetta in silenzio, alternato da soste durante le quali una confessione eseguiva un proprio canto o recitava un brano sulla pace. Il canto conclusivo delle ucraine che hanno chiesto di pregare per la pace nella loro patria è stato applaudito calorosamente. Arrivati alla chiesetta, sono entrati per primi i vari esponenti religiosi con i bambini che avevano preparato le preghiere e  avevano legato le loro preghiere di pace a tanti palloncini colorati. Dopo la spiegazione del significato profondo dell’incontro da parte di un giovane i palloncini sono stati liberati nel cielo e vedere le preghiere dei bambini salire al cielo dall’interno di un luogo sacro è stato uno spettacolo davvero
emozionante. Quindi hanno raccontato del grano della fraternità e della solidarietà ed illustrato i loro manufatti che sono stati ‘messi in vendita’ in un apposito banchetto alle spalle della chiesa per raccogliere fondi a favore dell’associazione Pro Terra Sancta di Betlemme e dell’acquisto di materiale scolastico per i ragazzi ucraini nelle scuole savonesi. Ha concluso la bella iniziativa il Vescovo soffermandosi sulla parola “grazie” che porta inevitabilmente alla pace e alla similitudine grano – pace: sono da custodire entrambe, da curare ma anche da condividere con i fratelli. Un lungo applauso finale ha poi portato tutti a gustare le tradizionali focaccette preparate grazie al gruppo ‘Leze e in ta Ciabrea’ di Legino con l’aiuto dei panificatori savonesi. La serata è durata ancora per molto per i Leginesi che sono entrati nella chiesa splendidamente illuminata dai volontari dell’AIB di Savona con particolare cura ed affetto, come quando vi andavano da bambini. “Il tuo popolo in cammino” ha così fatto da sfondo ad un messaggio di speranza che è partito dai cuori più puri. Un grazie sentito alla dedizione con cui alcune famiglie della zona hanno fatto i preparativi di rito, le stesse che negli anni ’70 sostenute da don Giuseppe Perucca e don Pietro Ferri ridiedero vita alla devozione in questo luogo. La Chiesa Santi Pietro e Paolo, per coloro che volessero farvi visita è situata sulla strada che parecchi secoli or sono univa il litorale alla Val Bormida. Nel 1811 l’allora ministro di Polizia del governo francese (Savona era occupata) ordinò l’abbattimento di alcune cappelle diroccate, fra cui questa. Tuttavia non fu abbattuta e ancora accoglie i fedeli. I muri perimetrali sono integri e risalgono all’anno Mille, invece il tetto non è più presente da decenni e sono scomparsi i resti degli affreschi interni. Si parte dall’incrocio tra via Bricco e via santi Pietro e Paolo, ai piedi di un’edicola mariana raffigurante la Madonna di Misericordia e la si raggiunge tutta d’un fiato.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: