Sport

La giovane squadra di Chiusavecchia trionfa contro la “vecchia scuola” di pallonetto

Moltedo uber alles…Moltedo sopra tutti, si potrebbe dire, alla fine del torneo di pallonetto di Chiusavecchia. Un appuntamento classico del rinnovato circuito provinciale della popolare specialità sferistica imperiese. In finale, infatti, si sono sfidati i giovani leoni della frazione di Imperia, Davide e Claudio Somà, assieme a Piero Merano, almeno lui, sì di Chiusavecchia, contro il padre Paolo Somà rappresentante della “vecchia scuola” moltedese, assieme a Claudio Semeria e Silvano Anfossi. La finale però non ha avuto molta storia, con una vittoria dei più giovani. I puristi della “balletta” hanno visto un Davide Somà molto concentrato, in grado di colpire molto alta la palla da tennis non spellata che scendeva dal muro di appoggio della battuta al salto.

 

Un torneo “au picà”, una versione stringata e senza artifici in legno della “pantalera” della pallapugno piemontese. Claudio Somà elettrico come sempre, Piero Merano tentacolare. Di fronte sagace Claudio Semeria, a sfruttare la sua esperienza, un patriottico e ipnotico Silvano Anfossi, abituato al risultato di alto livello e un più che ginnico Paolo Somà. Partite belle ? Tante. Intense sfide tanto nelle eliminatorie quanto nei livelli successivi. C’è stato un tempo in cui si faceva fatica a mettere insieme quattro squadre. Qui, a Chiusavecchia, ce n’erano ben 16. Un risultato che la dice lunga sul gradimento della disciplina, che merita sempre più attenzioni a tutti i livelli. E un buon banco di prova per la rinnovata asd Valle Impero presieduta dal dinamico parroco locale don Matteo. Ne consegue anche il buon comportamento in campo degli atleti, anche se qualche tradizionale “ratella” non è mancata. Si diceva delle belle partite. Tra le tante, quelle dei terzi arrivati Ranoisio, Balestra e Giacobbe contro la compagine di Paolo Chiapello e Federico Odasso, risolta all’ultimo punto. E poi ancora Semeria in semifinale contro gli altri terzi, la squadra che aveva in battuta “l’enfant du pays” Corrado Agnese, poi sostituito per impegni di pallapugno da Paolo Chiapello e le “mani calde” di Marco Simone e Giorgio Cherchi, protagonisti del circuito nazionale di palla elastica. Il grande caldo ha indubbiamente spossato molti e ha reso meno performanti alcune prestazioni. C’è bisogno di adattamento e si vedrà nel prossimo futuro. In ogni caso spiccano ancora le capacità dei meno giovani confronto ai virgulti della specialità. Premiati infatti un tonico Claudio Balestra assieme alla gloria locale Augusto Arrigo, assieme a Nicolò Gheza, parte di una dinastia dalla quale si aspetta molto nel futuro, data la capacità del padre di investire in questa autentica passione. Un padre esemplare, tra l’altro, che non condiziona assolutamente i giovani di famiglia. Le attenzioni si spostano ora sull’appuntamento nazionale di Vendone, in data 7 ed 8 luglio e sui successivi tornei locali, tutti a palla spellata. Pelo…solo a Chiusavecchia.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: