Attualità

La mia via a Lourdes

Dal 6 al 12 giugno 2012 ho preso parte ad un pellegrinaggio a Lourdes indetto dalle Sezioni UNITALSI (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) di Emilia Romagna, Liguria e Piemonte. Scrivo questo mio resoconto su invito dell’amico Marco Romano, giovane presidente dell’Unitalsi savonese, per la pubblicazione in questo ambito e laddove egli riterrà più opportuno, ai fini delle iniziative di cui si fa appassionato promotore.

Per la prima volta mi sono concretamente affacciato ad una realtà da me – in più riprese – in precedenza solo sfiorata, per mezzo di racconti di conoscenti e quanto recepito dall’ampia e multiforme pubblicistica sul tema. Con un approccio forse semplicistico e poco ortodosso, ma secondo me efficace, ho elaborato nel tempo un’interpretazione delle apparizioni e dei segni soprannaturali, che punteggiano tre luoghi dello spirito vivo del cristianesimo. Medjugorie si pone come richiamo alla conversione, Lourdes volge lo sguardo alla guarigione miracolosa e Fatima, attraverso i propri segreti, testimonia l’azione di Dio nella storia dell’uomo. A mio avviso, si tratta di impronte prevalenti, perché d’altro canto ogni singolo aspetto si ritrova combinato agli altri, dando così origine al fascino e al mistero di ognuno di questi tre centri di spiritualità, da me in rapida successione visitati nell’ultimo anno … ecco come … Reduce di una recente esperienza a Medjugorie a settembre 2011, la scorsa primavera il mio personale cammino si prefiggeva di esplorare un’altra dimensione del carisma mariano, il quale a Lourdes trova appunto una delle sue più alte e splendide espressioni. Più avanti nell’estate, come per un disegno a mia insaputa, nel corso di un inaspettato viaggio di agosto in Portogallo, ho avuto la possibilità di fare una fugace tappa a Fatima. Dodici mesi di intenso fervore insomma, che si concluderanno – se Dio vorrà – con ritorno a Medjugorie alla fine del corrente mese, proprio ad un anno di distanza dalla prima volta. Non siamo forti come Abramo il quale obbedì senza riserve precisa volontà di Dio: “Esci dalla tua terra e va…” ma una voce interiore talora ci spinge e  non possiamo tirarci indietro, spesso in questo modo, anche inspiegabilmente, può scaturire, gradualmente od improvvisa, la motivazione di un pellegrinaggio. Lourdes in me era presente da molti anni nascendo da una flebile scintilla. Nel 1996, al termine di una breve vacanza estiva in Costa Azzurra, fui estemporaneamente tentato di fare una rapida puntata a Lourdes, poi resasi impossibile a causa delle strutture alberghiere completamente sature vista la concomitanza delle tappe pirenaiche del Tour de France. Era l’estate del 2009, allorquando miei più risoluti propositi di visitare il paese di Bernadette, con un viaggio parrocchiale settembrino, furono funestati da una brutta distorsione alla caviglia, procuratami a prenotazione già avvenuta, con la conseguenza che la compagna di viaggio prescelta per l’occasione: mia mamma, partì da sola. Sola per modo di dire: in simili circostanze ci si accorge presto di esser parte di un fiume che scorre. Probabilmente non era ancora tempo; rielaborando il passato, la nostra mente tenta molto spesso di trovare spiegazioni, questa è la mia. In seguito all’esperienza della Regina della Pace a Medjugorie, ho acquisito maggiore determinazione nel seguire un percorso spirituale, più che altro basato sulla ricerca individuale sotto forma di lettura. Riconsiderare l’idea di Lourdes è stato pertanto spontaneo, soprattutto in ragione di alcune combinazioni che mi accingo a descrivere. Nella passata primavera, ad aprile per l’esattezza, ricorreva il centenario di fondazione della sezione regionale dell’UNITALSI, durante cui le diocesi liguri, dove è presente l’associazione, sono state toccate da una peregrinatio delle reliquie della santa pastorella protagonista delle apparizioni mariane nella grotta di Lourdes. Giocando in casa, a Savona, ho potuto quindi assaporare il significato della processione “aux flambeaux” per le vie del centro e della venerazione notturna negli oratori cittadini. E’ stato inoltre il mio iniziale impatto diretto con l’UNITALSI, in quanto organizzazione. Documentandomi su internet, ho quindi appreso che il tema pastorale conferito ai Pellegrinaggi 2012 dell’associazione era: “Recitare il Rosario con Bernadette”. Il valore che riconosco a tale forma di preghiera non è stato secondario nel determinare i primi miei contatti con la sede Savona, per richiedere informazioni sui pellegrinaggi in programma. Da lì alla decisione di partecipare il passo è stato breve. Secondo le modalità prospettatemi, i mezzi di trasporto impiegati per il viaggio erano il pulman od il treno. Senza esitazioni ho optato per il secondo: non potevo sottrarmi alla tradizione di quei convogli speciali, i “treni bianchi”, tante volte visti passare lenti attraverso le stazioni nella mia trentennale vita da pendolare. Ho però desistito di fronte alla richiesta da parte degli addetti di rendermi disponibile come volontario per l’assistenza ai malati, conscio della mia inesperienza e limitatezza in un ambito, nel quale non è corretto improvvisarsi. D’altro canto la mia vocazione è differente e sento di essere coerente con essa, esprimendo al meglio le mie capacità, attraverso lo studio e la testimonianza scritta ed orale. Ed ecco a giugno, m sono ritrovato finalmente immerso nel pellegrinaggio. Quanto potrei scrivere di quei giorni passati fra … treno, visita alla Grotta, S. Rosario meditato, processione Eucaristica ed “aux flambeaux”, Messa Internazionale, Via Crucis, confessione, S. Messa giornaliera, visita e bagno alle Piscine, escursione sui passi di Bernadette (Il Mulin de Boly, il Cachot, ed il museo), i malati, …. Non è questione di mancanza di carta e penna, né di carenza di tempo e di spazio, preferisco sorvolare, in modo da conferire una traiettoria di luce piena, fornendo solamente alcune citazioni e spunti per ispirare successivi approfondimenti da parte di chi legge, nella prospettiva di un approccio individuale quanto più possibile adeguato ad una realtà da vivere in pienezza spirituale e, per chi si spinge oltre, sotto forma di in impegno concreto di carità. La costante e cortese disponibilità dei volontari e del personale in genere, nonché l’organizzazione delle strutture ricettive ed assistenziali gestite, che rendono l’UNITALSI non solo una macchina ben oliata ma anche un esempio di cristianesimo militante, assai raro nei tempi odierni, ha dunque destato la curiosità, ma anche il sincero interesse nelle persone coinvolte nel pellegrinaggio. Nello spirito migliore un simile viaggio, oltre che spostamento fisico, è anche processo di cambiamento interiore: l’avvicinamento a Dio, raggiungibile esclusivamente tramite un lungo percorso di crescita. Sono in verità strade percorse da una moltitudine di genti con intenti diversi: tra i pellegrini (tutti in attesa di qualcosa) ci sono malati e persone sane, le quali intraprendono questo itinerario nella speranza di trovare un conforto nell’anima o perché sono alla ricerca di una guarigione corporale. La conoscenza, oltre alla purificazione, al semplice diletto od all’esigenza di distaccarsi dalla quotidianità, diviene un grande motivo di mobilità. L’umanità incontrata ha lasciato in me indelebile una traccia: il pellegrinaggio crea condivisione, sostegno reciproco, unità, in due eloquenti espressioni che sono il confronto e la preghiera. Un aspetto davvero stimolante sono le straordinarie possibilità di dialogo che in questi frangenti si creano fra persone che sanno uscire da se stesse e svestirsi del senso dell’assolutezza: può dialogare solo chi non si sente padrone della verità. Pena il disagio nel ridurre il dialogo a mera discussione. Entrare in relazione con il prossimo rappresenta un anelito legittimo, il quale può giustificare qualsiasi tipo di ricerca (umana e soprannaturale) ma che quasi sempre si risolve in un’aspirazione egoistica. Per istituire un vero rapporto, e comprendere tutta la persona, il dialogo deve partire dal cuore, raggiungendo quei livelli di empatia e di sintonia, una sorta di amicizia spirituale, che inducono a superare le sollecitazioni di un mondo livellato da una visione piatta e materialistica della vita. Si possono intrecciare legami di conoscenza, di stima, di affetto che per sempre rimangono intatti. Così si tracciano le basi per una credibile speranza di pace fra gli uomini. Tutto dunque è andato bene con l’aiuto della Divina Provvidenza. Al termine di questo faticoso, ma entusiasmante, pellegrinaggio è risultato un bilancio ampiamente positivo, che mi consente insomma di testimoniare un grande rispetto verso il luogo, Lourdes, e verso tutte le persone che vi giungono. Aldilà di certi fenomeni esteriori, che purtroppo marginalmente sussistono come il mercimonio delle boutique religiose (i tanti negozi che costeggiano la strada verso il santuario mariano), prestando il fianco ad un, seppur esiguo, stuolo di detrattori e maldicenti, bramosi di fatti da ascrivere al livello di folklore. Concludo questo mio scritto al pensiero dei chilometri fatti e dei momenti trascorsi, che si sono ravvivati in questi giorni grazie alle celebrazioni della Madonna di Lourdes, avvenute a Savona con un triduo nella cappella Gavotti di via Nizza (ove è presente di una pietra prelevata dalla grotta di Massabielle), in ossequio ad un rito che si tiene ininterrottamente dal 1893, tranne alcune eccezioni come durante l’ultima guerra mondiale.

Antonio Rossello

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: