Please assign a menu to the primary menu location under menu

CRONACA

La minaccia fantasma: dopo il bitume l’ipotesi di un inceneritore nel savonese

rifiuti savona

Molti di voi penseranno immediatamente al primo capitolo ( anche se girato per terzultimo) della saga di Guerre Stellari, ma in questo caso si parla di una nuova ipotesi che non mancherà di animare con diverse polemiche un’estate già abbastanza calda per la provincia di Savona.

Dopo le accese discussioni riguardanti la realizzazione di un deposito di bitume all’ombra del Priamar, ora è il Decreto Sblocca Italia, che prevede la realizzazione di dodici nuovi  inceneritori di rifiuti sparsi su tutta la penisola, a gettare nuovamente la proverbiale benzina sul fuoco; mai altra metafora poteva essere più adeguata, dato che uno dei suddetti impianti verrà realizzato proprio nel savonese.

Sono tre le città candidate ad essere “papabili” come location per l’inceneritore destinato alla Liguria: Vado Ligure, Bragno e Cisano sul Neva; inutile dire quanto questa ipotesi, che per quanto riguarda il Governo resta ancora a livello di bozza, abbia già iniziato a scindere le fazioni dei pro e dei contro: se il ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti vede in esso una soluzione per l’emergenza rifiuti, sul versante opposto si trovano i 5 Stelle, che nell’inceneritore vedono un aumento dei costi, un rischio per la salute ed una minaccia per la soluzione della raccolta differenziata, ritenuta meno dispendiosa e sicuramente più sana.

Due città sulle tre scelte è lampante abbiano già avuto le loro “magagne” a livello ambientale (Vado Ligure con la centrale di Tirreno Power e Bragno con L’ACNA  e l’Italiana Coke) e per quanto Cisano sul Neva sia “esente”, quel che è certo è che un nuovo inceneritore nella provincia di Savona possa magari smaltire dei rifiuti ma non le dicerie e le varie opinioni su di esso.

Michele Alluigi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: