Cultura e Musica

“La Musica un ponte fra popoli e culture” ad Andora

La Musica, la Danza, il Teatro sono il motore propulsore per lo sviluppo di una comunicazione interiore spesso trascurata, allo scopo di rapportarsi con gli altri utilizzando un linguaggio in cui le parole sono superflue. Queste arti coreutiche sono universali e fin dall’antichità sono state espressione dei popoli, non solo come mezzo di comunicazione, di liberazione del corpo e dello spirito ma soprattutto per provocare emozioni e stimolare riflessioni.

Ecco perché il musicista Agostino Celti e l’attrice Carla Marcelli ci propongono uno spettacolo di oltre un’ora, ove la musica ed il canto si alternano con la recitazione e la lettura, creando un’atmosfera magica di unione fra individui, costumi, culture e religioni: la musica “passaporto” per le genti. Il concerto inizia infatti con un brano classico di John Lennon, “Imagine”. È un inno di speranza per l’Uomo affinché possa giungere alla pace ed alla solidarietà, utilizzando il potere della musica per unire l’Umanità tutta. Vengono poi toccati artisti del calibro di Riccardo Cocciante, Vasco Rossi, Claudio Baglioni, Francesco Guccini, Fabrizio De Andrè, Franco Battiato, Ivano Fosati, per concludere con “Futura” del compianto Lucio Dalla. La musica diviene così linguaggio universale, un ponte tra i popoli in conflitto, strumento per educare i più giovani alla pace. Ed iniziando a lavorare proprio sui più giovani, educando loro all’amicizia e alla pace, nella convinzione che un domani senza più conflitti sia nelle loro mani, nasce una occasione per gettare lo sguardo su un “luogo magico”, dove la semplice quotidianità è un’esperienza di convivenza, un modo per lavorare alla costruzione di un mondo senza guerra. E l’Arte e la Cultura ne pongono le fondamenta…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: