Politica

La pazza crisi

Il 1° agosto di quest’anno, nel mezzo di una delle tante liti fra Lega e M5S, mi azzardai a pronosticare che il Governo sarebbe, solamente, caduto per cause derivanti dalla politica estera. Poi l’8 agosto (sulla spiaggia di Milano Marittima detta il Papeete di Milano) Salvini, ministro degli interni [ancora per poco], dopo avere bevuto qualche mojito annunciò la crisi di Governo ed il deposito, da parte della Lega, di una mozione di sfiducia al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Poi, passati i fumi dell’alcool, cercò di rimediare facendo avances scostumate ai grillini, fino ad arrivare alla proposta indecente fatta a Di Maio (ipse dixit) di una riedizione del governo giallo-verde con Di Maio Presidente del Consiglio. Al momento sono diversi giorni che, in tutti i suoi twitter, il “capitano” Salvini annuncia agli italiani una scoperta: il governo giallo-rosso, se nascerà, nascerà per un complotto delle cancellerie europee, leggasi Macron, Angela Merkel, ecc.. Complotto che avrebbe dovuto prevedere (!) anche la mozione di sfiducia proposta da Salvini. Come prova principe di questo complotto Salvini, indica la votazione a favore di Ursula von der Leyen da parte degli europarlamentari del M5s (determinante per la sua elezione a Presidente della Commissione europea) e aggiunge che parte integrante del complotto erano partite di dare e avere, ivi compresa una maggiore flessibilità che dovrà essere concessa dalla Commissione Europea per il debito italiano. Ovviamente io non so se quello che dice Salvini sia vero, ma penso che il leader della Lega stia applicando una dalle massima di Giulio Andreotti, il quale diceva sempre che “…a pensare male si fa peccato, ma quasi sempre ci si azzecca…”. Invece di pensare a complotti (che possono sempre esistere e dovrebbero essere messi in conto), se fosse stato più attento al risultato delle recenti elezioni europee (guardando un po’ più lontano della punta del suo naso), Salvini avrebbe notato che gli unici sovranisti presenti nei governi dei Paesi dell’Europa occidentale prima delle elezioni per il Parlamento europeo, erano: lo stesso, vicepremier e ministro del Governo italiano ed Heinz-Christian Strache, vice cancelliere austriaco e leader dell’estrema destra Freiheitliche Partei Österreichs-FPÖ (Partito della Libertà). A pochi giorni dalle elezioni del maggio scorso Strache è stato costretto a dimettersi perché indagato di pastrocchi con Putin. Sempre pensando male (e senza fornire prove) si può pensare che Salvini, già accusato nel febbraio scorso di analoghe cose, per paura di fare la fine di Strache abbia fatto cadere il governo giallo-verde di cui era vicepresidente, nel convincimento di poter andare a votare entro ottobre, vincere le elezioni e diventare premier prima della conclusione dell’inchiesta della Magistratura di Milano su Savoini. Questo lo avrebbe portato ad essere un protagonista in Europa. Per contro la formazione di un governo giallo-rosso ed il passaggio della Lega all’opposizione lo riducono ad una figura marginale. Va peraltro sottolineato che in Europa i partiti populisti non hanno avuto un risultato eclatante e, inoltre, Orban fa il populista a casa sua (in Ungheria) ma in Europa, essendo sempre iscritto al Partito Popolare, fa quello che gli dice la Merkel. Il premier polacco Mateusz Morawiecki è sovranista, ma odia i russi (segnatamente Putin) come la maggioranza dei cittadini dei Paesi dell’ex Patto di Varsavia. Matteo Salvini, essendo accanito tifoso milanista [un “casciavit” come chiamano a Milano i tifosi del Milan, per distinguerli dai “baúscia” tifosi dell’Inter], immagino sia accanito lettore della Gazzetta dello Sport. Se mi è permesso un consiglio non richiesto, dovrebbe mangiare meno e leggere più libri. Allora conoscerebbe un po’ di storia ed anche un po’ di economia. Allora saprebbe che in Europa, dopo il Sacro Romano Impero finito all’inizio del 18° secolo, dopo la formazione degli Stati Nazionali (e sovrani) hanno prevalso i nazionalismi. E con i nazionalismi le guerre. Napoleone ha incominciato col dire prima i francesi, Wilhelm der Große, ossia Guglielmo il Grande , prima i tedeschi, e così via fino ai Savoia che dicevano prima i piemontesi ed i sardi, per poi finire (dopo Porta Pia) con tutti gli italiani. Dall’inizio del 1800 al 1947 in Europa gli Stati sovrani hanno fatto almeno una guerra ogni circa 10 anni facendo centinaia di migliaia di morti. Poi nella prima metà del XX° Secolo la Germania ha provocato due guerre mondiali che hanno fatto oltre 60 milioni di morti. Dal 1947, quando si è incominciata l’integrazione economica europea, non ci sono più state guerre. Oggi l’economia è fortemente integrata, tanto è vero che lo sta capendo anche Trump che ha visto che la guerra dei dazi con la Cina, ha provocato la recessione anche in Germania. L’Unione Europea ha creato un mercato di oltre 500 milioni di abitanti distribuiti su un territorio di oltre 4 milioni di Km2. . E’ il terzo stato del mondo dopo Cina ed India per numero di abitanti. Le discussioni sulla Brexit e le conseguenze che avrà questa decisione sull’economia del Regno Unito (un Paese membro della UE ma senza aderire alla moneta unica dell’EURO) dovrebbero far comprendere a tutti che il ritorno alle monete nazionali e all’economia entro i confini nazionali è una cosa che non è più attuabile. Ma tant’è che se prometti alla gente che esistono scorciatoie per risolvere i problemi di tutti, si finisce col far pagare a tutti i problemi di pochi.
(Lorenzo Ivaldo)
*) Papeete, in tahitiano, è una città e un comune francese di 26 017 abitanti, capoluogo della Polinesia francese, collettività d’oltremare della Francia nell’oceano Pacifico. ipate

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: