Attualità

La Regione bussa alla porta chiusa delle Autostrade

“Il piano di chiusure previsto da Autostrade fino al 14 luglio è destinato ad avere un impatto notevole sui flussi di traffico in Liguria. Preoccupa in particolare la situazione della A10, dove è prevista l’interruzione temporanea di entrambi i sensi di marcia tra Arenzano e l’allaccio A10/A26 nelle ore notturne. Non sarebbero garantiti neanche i livelli minimi dei servizi di sicurezza: riteniamo necessaria, pertanto, una revisione del piano“. Così si esprimono il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti e l’Assessore alle infrastrutture Giacomo Giampedrone, appresa la notizia del piano di chiusure comunicato ieri da Autostrade per l’Italia e scrivono pertanto ad Autostrade ed alla Prefettura di Genova una lettera dove, tra l’altro, si legge: “”La situazione del traffico congestionato venutasi a creare a seguito delle chiusure continuative di tratte di rete autostradale  ha già sollevato numerose segnalazioni da parte del Commissario straordinario di Alisa, delle pubbliche assistenze, di sindaci dei comuni nonché di diverse associazioni di categoria, conle quali vengono rappresentati i gravi problemi e i disservizi al regolare svolgimento delle attività di emergenza conseguenti alla ben nota attuale situazione compromessa della viabilità autostradale. Con le stesse tra l’altro si comunica la forte preoccupazione, stanti i tempi di percorrenza dilatati per raggiungere i poli sanitari, per garantire adeguati soccorsi con particolare riferimento alle categorie a rischio“.  Viene inolte messo in evidenza, nella lettere che le chiusure pianificate coincideranno “con il fine settimana che presenterà nuovamente notevoli flussi di traffico“. La Regione chiede, pe tali motivi, “di mettere in atto tutte le azioni possibili, compatibilmente con la pianificazione degli interventi , affinché vengano mitigate le conseguenze e le criticità elencate“.

Ma le “azioni possibili” che ASPI-DE potrà fare non andranno oltre l’espressione di scuse per i disagi:

“Autostrade per l’Italia è dispiaciuta per i disagi agli automobilisti e al territorio ligure e comprende le istanze provenienti dalle istituzioni locali. Per trovare una soluzione alla situazione attuale, ASPI ritiene utile che si apra un tavolo formale di confronto tra le istituzioni e gli enti liguri e il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, a cui dà fin da subito la piena disponibilità a partecipare, nella sua qualità di ente concessionario dell’infrastruttura” Di tale tenore era stata la risposta di ASPI-DE alle richieste della Regione, gia dal 29 giugno scorso e non si vede come possano prevedersi misure diverse. Altri provvedimenti ritarderebbero ulteriormento lo svolgimento dei controlli e delle verifiche, è da ritenere, che poi, a quanto pare, si concluderebbero il 15 luglio, o, almeno, procederebbero i lavori sulla rete autostradale  ma senza comportare i rallentamenti odierni. 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: