La savonese Assotrasporti sollecita il monitoraggio delle infrastrutture stradali, autostradali e ferroviarie nuovamente a rischio di crolli con la ripresa dei flussi post emergenza Coronavirus

La savonese Assotrasporti plaude agli interventi dei deputati Roberto Cassinelli e Roberto Bagnasco e del
consigliere regionale Claudio Muzio, ricordando quanto sia importante assicurare la stabilità e la sicurezza
della rete infrastrutturale italiana, con la ripresa dei flussi di traffico, per evitare altre perdite di vite umane.
Savona, 05 giugno 2020 – In piena fase 2, con la riapertura agli spostamenti intraregionali, dopo aver
suggerito più volte al Governo di approfittare della riduzione di traffico, dovuta alle misure di contenimento
del Covid-19, per effettuare il controllo capillare dell’intero sistema viario e ferroviario del Paese, la
savonese Assotrasporti ricorda quanto sia importante assicurare la stabilità e la sicurezza della rete infrastrutturale italiana. Considerato che nei prossimi giorni riapriranno anche i confini europei, con la ripresa di Schengen, viene quindi da chiedersi se le strade italiane siano pronte ad accogliere il flusso di turisti che potrebbe salvare, o per lo meno arginare, le perdite della stagione turistica estiva. “Apprendiamo con piacere gli interventi dei deputati Roberto Cassinelli e Roberto Bagnasco e di Claudio Muzio, in quanto sono in linea con le nostre richieste. Occorre che si proceda con urgenza al monitoraggio dell’intera rete infrastrutturale italiana con la ripresa dei flussi” dichiara Secondo Sandiano, Presidente nazionale di Assotrasporti e Vicepresidente vicario di Eumove. “Sono diversi mesi ormai che Assotrasporti chiede interventi urgenti sulla rete autostradale, in particolare nella regione Liguria dove, in seguito ai crolli causati dal maltempo dello scorso inverno e all’incuria nella gestione delle infrastrutture, le strade sono diventate un susseguirsi di cantieri che causano
interruzioni della viabilità, rallentamenti e code” aggiunge Fabrizio Civallero, segretario nazionale Assotrasporti. “Ricordando lo straordinario lavoro fatto al cantiere per il ponte di Genova che, nonostante l’emergenza sanitaria, ha proseguito i lavori senza sosta e si prepara all’inaugurazione del nuovo ponte nel mese di luglio, gli interventi di manutenzione nel resto della regione sono proseguiti a rilento e risultano inadeguati ad accogliere il flusso di turisti che si presta a giungere in Italia” aggiunge Sandiano.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: