Please assign a menu to the primary menu location under menu

Lettere alla redazione

La sparizione di Bonifazio Brandani

Bonifazio Brandani, nasce  il 22 novembre 1921 a Crasciana di Bagni di Lucca , un piccolo centro a 800 m.s.l., nel 1940 allo scoppio della seconda guerra mondiale, riceve la chiamata alle armi e viene inviato a Fiume, attualmente Rijeka, come guardia di frontiera, successivamente con il suo reparto va in Jugoslavia. Dopo l’8 settembre del 43, fa ritorno a Fiume dove viene, come molti altri militari Italiani, preso dai Tedeschi e tradotto in Germania a svolgere lavoro coatto. Qui la vita era molto dura, vitto scarso, continui attacchi aerei alleati, lavoro con ben poco riposo. Gli si offre una opportunità: quella di arruolarsi in uno dei reparti della R.S.I. che si stanno formando a Grafenwöhr in Baviera. Brandani non è un fascista convinto, vuole solo fuggire dalla prigionia e tentare di tornare in patria a Casa sua, in una condizione civile. Aggregato alla Divisione San Marco raggiunge la Liguria, e viene distaccato con un piccolo reparto nell’entroterra di Finale Ligure, dove secondo alcune testimonianze, conserva un atteggiamento assolutamente non violento e salva la vita ad alcuni partigiani di Spotorno. Dopo il 25 aprile 1945, collabora con le formazioni partigiane di Cairo Montenotte per una ricostruzione dei tessuti civili della zona. Inizia una relazione con una ragazza di Bardino Vecchio, Ernestina Fontana detta Tina, con cui si fidanza, la donna abita a Bardino Vecchio, comune di Tovo S. Giacomo, dove spesso Brandani si reca per incontrarla.

A maggio del ’45, mentre era in compagnia della fidanzata, viene avvicinato da alcuni partigiani, due fratelli di Calice, tali Cesio Pierino e Giuseppe, oltre che da Folco Carlo di Bardino Vecchio. Queste persone con la scusa di avere dei chiarimenti da Brandani, portavano entrambi al comando partigiano di Calice. Qui egli veniva accusato di essere un criminale di guerra e trattenuto. Il giorno successivo, la sua fidanzata era rilasciata, mentre egli era prelevato dalla polizia ausiliaria partigiana di Finale ligure, il cui capo era Genesio Rosolino “tigre”, un nome che fu al centro di alcune inchieste per esecuzioni sommarie di presunti fascisti.  Da quel giorno, Bonifazio Brandani svanì nel nulla, senza lasciare traccia. Ci fu un esposto del padre dello scomparso, Stefano, che diede l’avvio ad una indagine del Carabinieri conclusa nel giugno del 49. Tale indagine si scontrò contro un muro di omertà e di testimoni che improvvisamente non ricordavano nulla di preciso e affermavano che “erano tutte dicerie”. Il rapporto dei CC di Finale Ligure a firma Maresciallo Capo Alfredo Tonelli, concludeva con questa frase “si ritiene   (il Brandani) sia stato eliminato da partigiani di Finale Ligure o di Savona”.

A tutt’oggi agosto 2015, il suo corpo non è stato mai ritrovato,  vale la pena riferire delle voci sul motivo della sua morte, che non è da collegare alla lotta di Liberazione : queste voci parlano di una feroce gelosia di un partigiano, dello stesso paese della Tina, la quale lo avrebbe respinto e soprattutto, gli avrebbe preferito un forestiero, appunto Brandani, che  in effetti era Toscano. Da qui la rabbia e l’omicidio, motivato formalmente dal fatto che Bonifazio era un ex San Marco. Non è un caso che fra i tre partigiani che sequestrarono la coppia, ci fosse un abitante di Bardino Vecchio e altra terribile coincidenza, Tina fu rilasciata mentre il suo fidanzato sparì dalla faccia della terra. Posso solo immaginare il trattamento che fu riservato a Brandani e quello riservato alla Tina che riuscì a scampare alla morte a prezzo di chissà cosa tutti noi sappiamo. Leggendo l’esposto manoscritto dal padre dello scomparso, non posso non commuovermi leggendo una espressione che mi ha colpito <chiedo a codesta Procura che sia vera la Legge >. Quest’uomo oramai senza speranza di ritrovare il figlio ancora vivo, chiedeva anzi urlava che venisse rispettata la Legge, quella vera.

Roberto Nicolick

1 commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: