Musica

“La Traviata” e “Il Barbiere di Siviglia” al Priamàr di Savona

RigolettoCon l’accordo tra la Fondazione genovese del Carlo Felice e il Centro sperimentale lirico-sinfonico savonese si gettano le basi per una promozione dell’opera in tutta la regione: questo fatto è uno dei tanti sottolineato dall’assessore alla cultura del Comune di Savona, Elisa Di Padova, nella conferenza stampa, al foyer del teatro Chiabrera, per la presentazione della stagione estiva dell’Opera Giocosa, per cui la nostra Fortezza sarà ancor più meta attrattiva del pubblico genovese. Ma ha anche fatto notare quanto sia stato valido, per richiamare pure le nuove generazioni, meno attratte dalla lirica, inserire quale primo evento in programma un concerto jazz. Tito Gallacci, presidente dell’Opera Giocosa, ha fatto un bilancio di queste dodici stagioni al Priamàr di Savona: ‘Discreti successi e grandi sofferenze dovute al tempo. Ma si può dire di essere stati fortunati, se con tanti cartelloni allestiti la pioggia ci ha fatto interrompere più volte solo il primo ‘Barbiere di Siviglia’, e fatto annullare soltanto un unico Concerto’. Il discorso assicurativo, da lui affrontato in passato, ‘o si dimostra nei fatti insostenibile o non è soddisfacente’. Gallacci ci tiene a congratularsi pubblicamente con il suo staff: la burocrazia impera, occorrerebbero almeno il doppio di collaboratori, anche perché per ogni evento occorre compilare pratiche differenti per tutti i vari Enti, modulistiche diverse, presentazioni diverse, etc. ‘Altro che Ministero della semplificazione – si rammarica Gallacci -, visto che programmiamo una stagione estiva non sapendo quanto arriverà da spendere, dato che il Ministero per i beni e le attività culturali terrà le sue riunioni a giugno…’. Altre magagne dall’Irap. Spiega il presidente: ‘Se per ‘La Traviata’ avremo 200 dipendenti, perché in quel mese li avremo, dobbiamo pagare come fossimo un’industria che produce utili!’. Si sofferma anche un attimo sui titoli in cartellone: ‘Il repertorio ha ripreso il sopravvento – dichiara mestamente -. Non possiamo non tenere conto dei risultati del botteghino’, ma garantisce che la peculiarità dell’Opera Giocosa rimarrà l’allestimento di quelle opere desuete che ci hanno così bene caratterizzati e tanta fama hanno portato alla città di Savona. I ringraziamenti più sentiti alla Fondazione De Mari, nonostante i piccoli tagli, perché i suoi contributi rimangono essenziali, e la speranza che l’Amministrazione comunale viva momenti migliori e possa dare di più, mentre invece l’accusa è verso la Regione ‘che finisce a Voltri e a Nervi’. Il direttore artistico Giovanni Di Stefano ha citato l’esperienza lombarda dove cinque teatri si sono messi in rete, riuscendo in questo modo ad abbassare i costi. Questa è la strada da seguire, dice, prima di ricordare quanto il nome della nostra città sia rinomato in tutto il panorama operistico italiano e non solo (il nostro ‘Furioso all’Isola di San Domingo’ è stato allestito in 6 teatri, il nostro ‘Cappello di paglia di Firenze’ in 5, etc.). In chiusura, ancora un intervento del presidente Gallacci, che si sofferma su quanto sia giusta la strada di scritturare giovani talenti quando non sono ancora famosi. D’altronde, ‘i più grandi cantanti del mondo tornano più che volentieri in questa città dove hanno mosso i loro primi passi, e ai nostri cachet (un terzo di quanto normalmente prenderebbero), come riconoscenza tangibile nei confronti del nostro Teatro’, dice ancora, ricordando la presenza negli scorsi cartelloni di Simone Alaimo e Anna Caterina Antonacci. Inizio di stagione allora il 20 giugno (ore 21.30) per il Concerto Jazz (dal classico alla musica colta contemporanea), con i musicisti provenienti dal Conservatorio Paganini di Genova e Puccini della Spezia; direttori: Pietro Leveratto e Alessandro Fabbri. Il 4 e 7 luglio (ore 21.15): ‘La Traviata’ di Giuseppe Verdi (il 2 luglio, stessa ora, ci sarà l’Anteprima Due generazioni insieme a teatro); Orchestra e Coro del Carlo Felice, direttore Aldo Sisillo, maestro del Coro Pablo Assante, regista Stefano Monti. L’11 e 12 luglio (sempre alle 21.15): ‘Il Barbiere di Siviglia’ di Gioachino Rossini, Orchestra e Coro AllOpera di Milano, direttore Daniele Agiman, regista Aldo Tarabella. Poi tre eventi che inizieranno alle 21.30. Il 17 luglio: ‘Nair canta il Musical’, con le musiche tratte dai più famosi musical di Broadway, e con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo diretta da Andrea Mannucci. Il 29 luglio: ‘Le quattro Stagioni’, musiche di Antonio Vivaldi, sempre con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, direttore e solista Ettore Pellegrino. Il 31 luglio: ‘Concerto sinfonico’, con l’Orchestra del Carlo Felice diretta da Maurizio Billi. Ecco infine la stagione autunnale al teatro Chiabrera, che prevede due appuntamenti: ‘Così fan tutte’ di Wolfgang Amadeus Mozart, il 9 ottobre, ore 20.30, e l’11, ore 15.30; il 7 ottobre alle 10 l’anteprima per le scuole. ‘Il labbro della Lady’, nuova opera di Carlo Galante, il 24 novembre, ore 20.30; alle 11 l’anteprima per le scuole. Ma ne riparleremo (nella foto di Marcello Orselli, il ‘Rigoletto’ della stagione 2013).

Laura Sergi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: