venerdì, Gennaio 24, 2020
Home > Attualità > Laigueglia all’avanguardia nella depurazione

Laigueglia all’avanguardia nella depurazione

Laigueglia profonde il massimo impegno per affrancarsi dall’infrazione comunitaria e l’Amministrazione comunale sta compiendo passi da gigante. Dopo aver inaugurato l’impianto di trattamento primario spinto che trattiene oltre il 30% dei solidi sospesi, realizzato dalla società partecipata, interamente pubblica, SCA (Servizi Comunali Associati) che gestisce il servizio idrico integrato della cittadina rivierasca, ora il Comune si concentra sulla seconda fase. Laigueglia sarà il primo paese della Liguria ad attivare il “Muds”, ovvero il sistema sottomarino di trattamento delle acque reflue in adempimento alle norme di attuazione della Regione Liguria.

Previsto anche l’allungamento della tubazione dell’impianto fognario di oltre 500 metri lineari dalla costa di Capo Mele e la posa di oltre 200 metri lineari di scarico emergenziale. Quanto al Muds si tratta di un sistema di depurazione (brevettato da Muds srl spin off universitaria UNIGE) che, in adempimento all’art. 13 delle norme di attuazione del Piano di tutela delle Acque della Regione Liguria, potrà essere qualificato a norma della regolamentazione di settore “trattamento appropriato” e, al contempo, garantire un adeguato potenziamento del sistema depurativo primario già operativo, implementandolo al secondario.

Il Muds, ovvero il Marine Underwater Depuration System, ottimizza in modo economico la qualità del trattamento dei liquami nei Comuni costieri, proteggendo l’ambiente. Il MUDS, infatti, è un sistema di smaltimento subacqueo dei reflui che rende la sostanza organica ivi contenuta disponibile come fonte energetica per diverse catene trofiche marine. Il sistema è stato brevettato ed è frutto della ricerca Universitaria Italiana (Università degli Studi di Genova – Università Politecnica delle Marche), finanziata da Amministrazioni Pubbliche orientate alle soluzioni (Comune di Rapallo – Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento di Medicina). Ed è su questo progetto che il Comune di Laigueglia ha concentro le proprie economie.

Così riferiscono dal Comune: “Si tratta di un sistema evoluto che consente l’eliminazione dei fenomeni di risalita dei pennacchi di scarico della condotta. Ma non solo. Consente anche di evitare i pericoli di ritorno di inquinanti organici verso le zone balneari. Gli effetti sull’ambiente marino, sono altrettanto importanti, perché il Muds favorisce una rapida riconversione della sostanza organica in Bio-Massa vivente, supporta l’incremento della Biodiversità tra le specie marine, contrasta il fenomeno dell’eutrofizzazione dei fondali, agisce come un FAD (Fish Aggregating Device) concentrando il pesce, favorendone la riproduzione e proteggendo i giovanili, quindi consente la creazione di un sistema trofico complesso che stimola l’aumento della presenza di specie ittiche pregiate e costituisce un riparo ed un punto di aggregazione per le specie ittiche presenti in zona”.

Tra l’altro il sistema non richiede manutenzione particolare, deve essere controllato e pulito periodicamente, per verificarne l’efficienza depurativa. Da ricordare che, ad oggi, a Laigueglia è già in funzione un impianto primario che ha diverse fasi di trattamento: grigliatura grossolana, grigliatura fine, dissabbiatura-disoleatura e infine pompaggio verso lo scarico finale. I trattamenti secondari sono: compattazione grigliato, lavaggio sabbie e deodorizzazione dell’impianto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *