Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCuriosando qua e là

L’arcivescovo di Genova Marco Tasca in visita a Palazzo Tursi

L’arcivescovo di Genova, monsignor Marco Tasca, si è recato in visita a Palazzo Tursi per l’ormai tradizionale visita augurale di inizio anno; l’arcivescovo è stato ricevuto dal sindaco Marco Bucci e dal presidente del consiglio comunale Federico Bertorello in un appuntamento che, come ogni anno, ricambia la visita del sindaco in Curia nei giorni che precedono il Natale. La cerimonia si è svolta nel Salone di Rappresentanza; erano presenti una nutrita delegazione di assessori, consiglieri e dipendenti del Comune e delle società partecipate.

“Il comune è la casa di tutti”, dichiara il presidente del consiglio comunale Federico Bertorello, “e tornare alla vita normale è bello e giusto. Rivolgo alla diocesi un sincero grazie per l’aiuto verso i bisognosi della città”.

Stessa soddisfazione da parte del primo cittadino :”Qui sono rappresentate 11000 persone tra dipendenti comunali e delle società partecipate; durante il nostro mandato ne abbiamo assunte in totale più di 4000 con un importante ricambio e i giovani portano la conoscenza tecnologica, un ambiente più vivo e arricchiscono il territorio. Presso la Cattedrale di San Lorenzo nella cupola è rappresentato lo stemma di Genova; fin dai tempi antichi la chiesa e la Repubblica di Genova lavorano insieme per il bene della città. Questo saluto ha un valore importante e voglio ricordare che quest’anno si accelera la crescita della città; dopo la visita di Mario Draghi tutti conoscono il valore di Genova e bisogna farla crescere per i nostri figli. Abbiamo creduto negli investimenti per il sociale e da 43 milioni impiegati siamo arrivati a 65; occorre però l’aiuto di tutte le realtà cittadine”.

“Ringrazio chi serve ed amministra la città dicendo che governare durante la pandemia è difficile; bisogna ascoltare le persone ma spesso si vive la solitudine della responsabilità. Crescere nella partecipazione è essenziale ma vi è necessità di far crescere la rete solidale; spero che la pandemia sia giunta alla fine ricordando che i giovani e gli anziani sono coloro che hanno sofferto maggiormente. Ci sono ancora troppi episodi di bullismo e violenza gratuita ma ho visto la generosità dei volontari e degli operatori sanitari; occuparsi degli altri è fondamentale per i cristiani ed il servizio, sia dei rappresentanti della chiesa che delle istituzioni, è un lavoro ma anche una missione. Tutti noi, nel proprio ambito di competenza, dobbiamo lavorare per far diventare sempre più bella la città”, conclude l’arcivescovo Tasca.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: