Cronaca

L’attentato di Brindisi, considerazioni.

Ho avuto il grande privilegio di fare l’insegnante e quindi ho insegnato per quasi quattro decenni nelle scuole di ogni ordine e grado, in tale lavoro , il mio primario obiettivo è sempre stato quello della tutela dei giovani a me affidati. In questa ottica era preferibile, sempre e comunque , almeno per me, essere io stesso oggetto di un infortunio puttosto che i miei allievi.

Chi ha piazzato le bombole esplosive, davanti ad un istituto scolastico femminile a Brindisi, aveva bel altri finalità, a prescindere dalla sua cultura e dalle sue eventuali caratteristiche ideologiche o malavitose, in base a queste finalità orrende e feroci,non lo si può neppure assimilare alle bestie selvagge ma più precisamente va paragonato a certi insetti velenosi e repellenti che vanno unicamente schiacciati e basta. La scuola è o per lo meno dovrebbe essere lo spazio fondamentale della vita, dove giovani sani e per bene si preparano per il loro futuro, vivendo e costruendo in una comunità educativa quale è una scuola. Chi ha assassinato e ferito queste ragazzine, ha colpito una sacralità che in genere , anche i più spietati criminali cercano di non spezzare. Invece chi ha piazzato gli ordigni , li ha fatti esplodere alle 7,50 circa, l’ora in cui decine di studenti pendolari giungono con i bus dalla periferia di Brindisi e scendono con lo zainetto sulle spalle, per entrare in uno dei luoghi più sicuri della società : la scuola. Immagino il clima gioiso sul bus diretto verso la fermata accanto alla scuola, le risate delle giovani studentesse, i loro capi chini sui libri nell’atto dell’ultima ripassata prima del campanello di ingresso, gli sms inviati con i loro cellulari ai fidanzatini, l’ansia prima di essere interrogate…chi ha fatto esplodere gli ordigni ha spazzato via in un colpo tutto ciò Un gesto feroce e profondamente immorale che ha colpito giovani vite innocenti. In questa terribile occasione lo stato deve essere giusto e sopratto spietato verso chi ha volutamente dimenticato di essere una creatura umana e ha voluto regredire, per ragioni che poi saranno spiegate, al livello di un repellente insetto velenoso e che , appunto merita una solo sorte : essere trattato come tale e quindi spiaccicato sull’asfalto.

Roberto Nicolick

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: