Economia

L’autotrasporto portuale perde l’80% dei traffici

L’autotrasporto savonese risente pesantemente della crisi che ha colpito tutti i settori dell’economia. Se le misure recentemente adottate dal governo in materia di defiscalizzazione delle accise hanno dato una boccata d’ossigeno al settore, la crisi in corso e l’aumento del carburante hanno dato un pesante colpo ai trasportatori savonesi.

Secondo un’indagine del Centro Studi GL Events, nei primi cinque mesi dell’anno il prezzo medio ponderato alla pompa di benzina e gasolio è aumentato del 21%, mentre i consumi sono scesi del 10,3% (in base ai dati, la spesa complessiva è salita a 27,549 miliardi di euro, con un incremento sullo stesso periodo dello scorso anno dell’8,6%). A questo si aggiunge la crisi: “Su Vado abbiamo registrato una contrazione molto pesante da inizio anno, che si aggira intorno all’80% – dice Giuseppe Barberis (nella foto) di Fita Cna –. Quanto a Savona, gli acciai sono fermi mentre almeno il trasporto di cellulosa non ha registrato un calo. Il problema è che dobbiamo fare i conti con il fatto che un importante operatore nella movimentazione dei container come Hamburg Sud ha lasciato il porto di Vado. Non so cosa pensare del futuro; siamo troppo legati all’evoluzione della congiuntura economica. Se ci sarà una ripresa allora anche l’autotrasporto si riprenderà, in caso contrario il settore è a rischio. La manovra adottata dal governo di riduzione delle accise con il rimborso trimenstrale è valida, ma da sola non basta”.
Secondo Barberis il fattore che più danneggia l’autotrasporto locale, e nazionale, è tuttavia l’illegalità sempre più diffusa e il proliferare di trasportatori a tempo – conclude Barberis – chiediamo un controllo reale e sanzioni ai trasporti irregolari che falsano il mercato del trasporto su gomma facendo concorrenza sleale”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: