Politica

Le confessioni di un consigliere

Cari concittadini, dopo un anno di attività come consigliere comunale, attività svolta più sul versante politico e civile che su quello amministrativo, essendo tra l’altro il mio partito all’opposizione, desidero svolgere alcuni rilievi. Innanzitutto constato, con il dovuto rispetto per molti consiglieri della maggioranza, lo scarso coinvolgimento nel dibattito politico-amministrativo da parte di una giunta che giudico onestamente arrogante ed autoreferenziale, specialmente per quanto riguarda la decisiva politica di bilancio, che è sempre stata poco trasparente.

La scarsa considerazione verso il Consiglio comunale si è vista anche recentemente quando 5.000 euro dedicati ai gettoni di presenza, sono stati, con una variazione di bilancio, destinati ai rimborsi spese degli assessori, i quali percepiscono circa 2.000 euro al mese mentre i consiglieri ricevono mediamente 700-800 euro di indennità ogni 3 mesi senza copertura previdenziale ed infortunistica. Debbo rilevare anche lo scarso senso istituzionale della maggioranza, guidata dal Partito Democratico, che non ci ha concesso, per galateo amministrativo e nel rispetto dei ruoli, nemmeno una presidenza di commissione, mangiandosi tutti gli incarichi disponibili. Demagogico anche l’atteggiamento dei grillini, i quali scrutano la pagliuzza dei consiglieri, alcuni autentici uomini di buona volontà, e non vedono il lordo degli stipendi d’oro di molti amministratori comunali e delle municipalizzate, e soprattutto sono molto ambigui e machiavellici quando si tratta di condurre battaglie di civiltà come la mancata emissione di fatture da parte di molti professionisti privati, cavalcando, senza lungimiranza, l’ondata di antipolitica comprensibilmente dovuta al trasformismo ed alla mancanza di programmazione di molte fazioni politiche. Il loro segnale di non ritirare il gettone di presenza mette in evidenza quanto seguano virtualmente le aspirazioni del peggiore populismo, ma, concretamente, rispettino troppo poco il ruolo rappresentativo svolto dai consiglieri, che sono, in una democrazia moderna, la massima espressione delle scelte democratiche dei cittadini. Teniamo presente che i consiglieri sono già diminuiti, in questo nuovo mandato, da 40 a 32 e che il lavoro di alcune Commissioni avviene già gratuitamente, come nella Commissione dedicata agli Studi sull’Immigrazione, o nella sottocommissione Carceri ed in quella, nella quale non sono membro permanente, destinata all’abbattimento delle barriere architettoniche. Solo chi non ha strategie programmatiche e troppi scheletri nell’armadio, come questa giunta, può temere il ribellismo senza riforme del movimento comico e burlesco a 5 stelle, rappresentato da un milionario satiro genovese; un ex comunista rivestito d’oro dai maxi stipendi di Mamma Rai. La democrazia è una conquista quotidiana, non è gratuita, ed io, cari concittadini tutti, non mi sento un servitore dello Stato, perché non amo essere servito, ma semplicemente un rappresentante delle nostre istituzioni eletto in campagna elettorale.

Fausto Benvenuto
Consigliere comunale

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: