Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCULTURA

Le “frequentazioni” artistico/culturali del Chiabrera

Venerdì 18 novembre a partire dalle ore 16 nella suggestiva Chiesetta di Santa Lucia, l’ Ass. Aiolfi in collaborazione con la Società Savonese di Storia Patria e la Confraternita dei S.S. Agostino e Monica, ha dato luogo ad una conversazione con proiezione di diapositive dedicata a scoprire “la Siracusa” ovvero lo studio atelier del Poeta savonese. Chiabrera rientrato a Savona dopo essere vissuto in varie corti italiane e sedi ecclesiastiche, trascorse la vecchiaia prevalentemente nella villa di Legino, alla periferia della città: il Musarum opibus. Chiese inoltre l’autorizzazione a costruire un piccolo edificio a lato della chiesa di Santa Lucia, davanti al porto. L’autorità cittadina diede il permesso e quindi venne costruito il piccolo edificio che fu eletto a “ritiro spirituale prediletto”. Qui esercitò l’antica arte dell’otium con carta ed inchiostro confortato dall’ottima vista a picco sul mare che spaziava fino a Genova e nelle giornate terse fino alle coste toscane. La scelta del luogo, accanto alla chiesa di Santa Lucia, che definì la “mia Siracusa”, fu in onore della santa eletta sua protettrice e cantata nelle “Canzoni sacre” e “Le feste dell’anno cristiano”. La dott.ssa Silvia Bottaro con l’ausilio di audiovisivi in Power-Point ha brillantemente illustrato i collegamenti del poeta con le personalità dell’intellighenzia del tempo, incuriosendo il pubblico accorso (sold out) tra cui era presente l’assessore alla cultura Nicoletta Negro. Il priore della Confraternita cav. Roberto Pizzorno ed il suo vice Dott. Felicino Vaniglia oltre a portare i saluti di rito hanno ringraziato i convenuti all’evento che viene inquadrato in quel piano di apertura degli Oratori Savonesi fortemente voluto da Vescovato e Priorato Generale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: