Please assign a menu to the primary menu location under menu

POLITICAREGIONE

Le imprese liguri per la sicurezza nei luoghi di lavoro

La Regione mette a disposizione i fondi europei

Quasi ad aver raccolto l’invito dell’Anmil – Associazione nazionale mutilati ed invalidi del lavoro – nella manifestazione di domenica scorsa, come da comunicazione dell’Assessore regionale allo Sviluppo economico, Andrra Benveduti,  212 imprese liguri hanno inoltrato richiesta di contributo , per un ammontare complessivo di 13,7 milioni di euro, per il rafforzamento degli standard di sicurezza sui luoghi di lavoro oltre i livelli minimi di legge, per una cifra complessiva d’investimento che si aggira attorno ai 27,5 milioni di euro. Ciò risulta alla scadenza del bando regionale del Por Fesr Liguria 2014-2020 (azione 3.1.1), aperto il 27 settembre scorso,  dedicato alla competitività delle imprese in ordine alla salute e alla sicurezza sui luoghi di lavoro. E’ bene ricordare che si tratta di fondi europei a valere sul Programma operativo regionale per il Fondo europeo di sviluppo regionale – Por Fesr –

Il lavoro dev’essere sempre fonte di vita, non di morte – così si è espresso l’Assessore Benveduti – e, per favorire gli investimenti di quelle attività economiche che intendono rafforzare i presidi oltre i limiti minimi di sicurezza, abbiamo approvato, in forma sperimentale, un bando che finanzia metà dell’importo dell’intervento apportato dalle aziende per mitigare ancor più la possibilità d’incidente. Un primo passo, che non risolve di certo un problema di carattere nazionale, ma che ha avviato un percorso concreto di attenzione regionale, anche attraverso gli spunti raccolti in un proficuo dialogo con i rappresentanti sindacali e le organizzazioni datoriali, oggi più che mai attuale. Con l’auspicio che il prossimo governo ben evidenzi nella propria agenda questa problematica”.

Lo strumento è dotato di un iniziale plafond economico di un milione di euro e si rivolge alle piccole e medie imprese che esercitano un’attività economica nei comparti delle costruzioni, della logistica e del manifatturiero.

L’alta partecipazione al bando regionale – così ancora Benveduti – ci conferma nella volontà, non solo di dedicare nuove e maggiori risorse al tema con la prossima programmazione Por Fesr 2021-2027, ma anche a fare del nostro meglio per accogliere quante più domande possibili, rifinanziando già nel prossimo futuro questa prima misura”.

 

 

Immagine da FMag

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: