giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Cultura e Musica > “Le migliori canzoni della nostra vita anni 2000”, i Matia Bazar cantano “Messaggio d’amore”

“Le migliori canzoni della nostra vita anni 2000”, i Matia Bazar cantano “Messaggio d’amore”

Dopo cinque giorni di canzoni e ricordi, siamo giunti all’ultimo capitolo, quello dedicato agli anni 2000. Millennio iniziato sotto la scure del terrorismo: tutti noi ricordiamo cosa stavamo facendo quando l’11 settembre del 2001 sono crollate le Twin Towers. Da quel momento, sono seguite le guerre in Afghanistan e in Iraq. All’inizio del decennio abbiamo salutata la cara Lira per accogliere l’Euro, mai entrato davvero nei nostri cuori. Il 2 aprile 2005 il mondo ha dato l’ultimo commosso saluto a uno dei pontefici più amati di sempre: Karol Wojtyla. L’anno seguente, sotto il cielo di Berlino, l’ultimo capitolo glorioso della storia azzurra: siamo campioni del mondo per la quarta volta! Vittoria mondiale che era stata preceduta dal terremoto di Calciopoli. Intanto, Giorgio Napolitano aveva sostituito al Quirinale Carlo Azeglio Ciampi. La tecnologia diventa sempre più parte della nostra vita: Facebook vede la luce nel 2004. Decade che si conclude con gli effetti di una crisi economica scoppiata nel 2006 e le cui conseguenze sono ancora visibili oggi. Nel 2009 Obama diventa il primo presidente afroamericano degli Stati Uniti d’America.

Detto questo, un doveroso ringraziamento a Boris Carta per le sue fantastiche playlist: quando cultura, passione e garbo si mescolano insieme, il successo è assicurato. (Michael Traman)

Matia Bazar – MESSAGGIO D’AMORE (2002)

Il cinquantaduesimo Festival della Canzone Italiana fu caratterizzato da due ritorni eccellenti: Pippo Baudo, dopo sei anni di assenza, alla conduzione ed alla direzione artistica, e Roberto Benigni, in qualità di ospite, a ventidue anni di distanza dalla sua unica chiacchieratissima presenza, allorquando presentò la kermesse canora insieme a Claudio Cecchetto ed Olimpia Carlisi, mentre a Simona Ventura e Francesco Giorgino venne affidato il DopFestival. Un’edizione all’insegna della qualità – che nel corso delle cinque serate, dal 5 al 9 marzo 2002, vide sfilare sul palcoscenico del Teatro Ariston personaggi molto popolari come Fiorello, Anna Marchesini, Teo Teocoli, Gigi Proietti e Raoul Bova – fortemente voluta da “Superpippo” (affiancato dalle attrici Manuela Arcuri e Vittoria Belvedere), chiamato a risollevare le sorti della manifestazione che l’anno precedente aveva fatto registrare un preoccupante calo di ascolti. L’impresa sostanzialmente riuscì, soprattutto grazie all’intervento di Benigni durante la serata finale che portò ad un picco massimo di 20.285.000 telespettatori con uno share vicino all’80% (salito all’81,38% durante la premiazione, all’1,08). Tuttavia la performance dell’attore e regista toscano subì dure contestazioni da parte di diversi esponenti del Popolo della Libertà, che accusarono l’artista di faziosità politica; su tutti Giuliano Ferrara, il quale annunciò che avrebbe lanciato uova e verdura a Benigni sul palco in occasione della sua esibizione. La promessa non venne mantenuta, ma scatenò a sua volta numerose polemiche nel mondo della politica e dello spettacolo. L’edizione vide trionfare nella categoria “Campioni” “Messaggio d’amore”, brano con i quali i Matia Bazar centrarono la loro seconda affermazione sanremese, ventiquattro anni dopo la prima. Come già nel 1978 grazie alla mitica Antonella Ruggiero, anche in questa occasione fu della voce solista femminile – la bravissima Silvia Mezzanotte – il merito principale della vittoria del gruppo, alla terza partecipazione consecutiva con la stessa formazione (ripetutamente rinnovata nel corso degli anni precedenti, soprattutto fra le vocalists, ma sempre con la presenza di Piero Cassano e il compianto Giancarlo Golzi, che nel 1975 ne furono tra i fondatori). Pur aggiudicandosi il Festival, “Messaggio d’amore” – una delle due canzoni registrate in studio comprese nell’album live “Messaggi dal vivo”, disco stranamente assente nella discografia sul sito ufficiale dei Matia Bazar – non ottenne un grande successo in termini di vendite, stazionando per una sola settimana nella classifica settimanale dei singoli italiani dove raggiunse il sedicesimo posto; tuttavia è un’apprezzata beguine, ancora oggi popolare soprattutto nel circuito delle orchestre da ballo. Decisamente maggiori furono i riscontri commerciali per Daniele Silvestri con il brano “Salirò” (soltanto quattordicesimo al Festival, ma vincitore del Premio della Critica “Mia Martini” e singolo sanremese più venduto) e Alexia (vero nome Alessia Aquilani), giunta seconda con “Dimmi come…” (primo pezzo dal testo interamente in italiano nel repertorio della cantante spezzina, già interprete di numerosi tormentoni estivi appartenenti al genere europop) e vincitrice del Premio “Volare” per la migliore musica. Quest’ultimo riconoscimento venne altresì assegnato per il miglior testo a “Un altro amore” di Gino Paoli (terzo classificato) e per il miglior arrangiamento a Davide Pinelli per “Il passo silenzioso della neve” interpretata da Valentina Giovagnini (tragicamente scomparsa a soli 28 anni, il 2 gennaio 2009, in un incidente automobilistico), seconda tra i “Giovani” a soli 21 voti di distanza da “Doppiamente fragili”, con la quale la quindicenne Anna Tatangelo trionfò nella categoria che vide attribuire il Premio della Critica “Mia Martini” ( e il Premio Sala Stampa Radio-Tv) a “La marcia dei santi”, presentata dagli Archinuè (“arcobaleno” in siciliano). Da ricordare, infine, l’assegnazione del Premio alla Carriera – conferito nei due anni precedenti rispettivamente a Tony Renis e, alla memoria, a Domenico Modugno – a due grandi “vecchi” che hanno nobilitato la musica italiana: il musicista e discografico Carlo Alberto Rossi, classe 1921, e il chitarrista Roberto Murolo,  novantenne.   (Boris Carta)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *