giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Attualità > Leonardo a Varazze

Leonardo a Varazze

Anche l’Associazione Centro Studi “Jacopo da Varagine” ricorderà Leonardo da Vinci con una interessante conferenza di Massimo Firpo dal titolo “La crisi del Rinascimento e la religione di Leonardo”. L’incontro sarà ospitato a Palazzo Beato Jacopo, sede dell’Ente Parco del Beigua e si terrà sabato 13 aprile 2019 alle ore 16.

La conferenza rientra nell’ambito di “Iconographica”, ciclo pensato dal Centro Studi, proprio in occasione della conferenza di Firpo di due anni fa e inaugurato l’anno scorso da Chiara Frugoni, che l’Associzione dedica all’approfondimento della conoscenza della vita e dell’opera di Jacopo da Varagine, riconoscendo il ruolo della “Legenda aurea” e dei suoi racconti come modello per committenti ed artisti e su tutti si può citare una delle pietre miliari della pittura rinascimentale, ovvero il ciclo di affreschi della “Storia della Vera Croce” di Piero Della Francesca, ad Arezzo; l’Associazione si propone inoltre di approfondire l’iconografia di tutto ciò che può essere “soggetto d’arte”, raggiungendo così un pubblico ben più vasto dei competenti e degli appassionati.

Il tema della religione di Leonardo è stato a lungo dibattuto, a partire da un brano della prima edizione delle Vite di Giorgio Vasari (1550) che, nel riferire dei suoi ultimi momenti di vita, il 2 maggio del 1519, lascia intendere lo scarso spirito religioso con cui egli era vissuto sino ad allora: «Vedendosi vicino alla morte, disputando de le cose catoliche, ritornando nella via buona, si ridusse a la fede cristiana con molti pianti».

Pochi documenti consentono di andar oltre questa scarna ma esplicita annotazione, significativa dei tempi, ed il tema offre lo spunto per mettere in evidenza i mutamenti ed un nuovo spirito della sensibilità religiosa tra Quattro e Cinquecento, tra l’età di Leonardo e quella di Michelangelo, che è pure l’epoca di Erasmo da Rotterdam, pertanto dell’apice dell’Umanesimo Cristiano, sullo sfondo della profonda crisi religiosa da cui scaturirono la Riforma protestante e la frattura della cristianità europea.

Il professor Massimo Firpo, già ordinario di storia moderna presso l’Università di Torino e la Scuola Normale Superiore di Pisa e accademico dei Lincei, è una delle più autorevoli firme delle pagine culturali del “Sole24Ore”. È stato invitato a diverse trasmissioni televisive (Le storie su RaiTre, L’infedele su La7) e radiofoniche, per trattare delle tematiche delle sue ricerche, in particolare l’attenzione alle fonti iconografiche e ai nessi tra produzione figurativa, religione e politica nel Cinquecento italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *