Please assign a menu to the primary menu location under menu

Archivi

CULTURA

L’ESTATE SAVONESE RIPARTE CON IL XV FESTIVAL “DANZA ALLA FORTEZZA DEL PRIAMAR”

All’insegna della danza la ripartenza della stagione turistica del savonese.

Lo storico Festival “Danza alla Fortezza del Priamar”, giunto quest’anno alla sua 15esima edizione, torna ad affascinare il pubblico con due titoli di grande impatto. Uno contemporaneo e uno classico, entrambi per la prima volta in Liguria.

La rassegna, organizzata dall’Associazione Grecale-Ente europeo per la promozione dell’arte della danza, con il sostegno della Fondazione De Mari e del Comune di Savona, porta il 1° agosto, in decentramento a Finale Ligure, Chiostri di Santa Caterina, il Balletto Teatro di Torino con “I divoratori”, e il 7 agosto alla Fortezza del Priamar di Savona il Balletto del Sud in “Serata Romantica”. Entrambe sono prime regionali.

Il primo appuntamento, il 1 agosto ai Chiostri di Santa Caterina di Finale Ligure, “I divoratori”, è il nuovo titolo di danza contemporanea del Balletto Teatro di Torino. Un lavoro che ci parla di una possibile umanità purificata dagli aspetti più competitivi. Si tratta di una creazione contemporanea per sei danzatori che ripercorre l’evoluzione della specie umana in una chiave di lettura del futuro inedita: la rinascita di un’umanità purificata, capace di escludere dalla propria memoria collettiva gli aspetti più competitivi e prevaricatori.

Il secondo appuntamento, il 7 agosto alla Fortezza del Primar di Savona, Serata romantica”, è un viaggio nelle più belle coreografie del repertorio romantico ottocentesco, accompagnate dai versi del maggior poeta dell’Ottocento italiano, Giacomo Leopardi. A presentarlo è il Balletto del Sud, compagnia guidata da Fredy Franzutti che annovera ballerini classici provenienti dai più importanti teatri d’opera internazionali.

Finale Ligure, Chiostri di Santa Caterina

Domenica 1° Agosto, ore 21.30

BALLETTO TEATRO DI TORINO

I DIVORATORI”

spettacolo di danza contemporanea, prima regionale

musiche originali per chitarra e sintetizzatori elettronici di Riccardo Tesio, storico chitarrista dei Marlene Kunt

regia e drammaturgia dell’artista visivo Gigi Piana

regia del movimento di Viola Scaglione

danzatori: Flavio Ferruzzi, Nadia Güsenwell, Lisa Mariani, Emanuele Piras, Viola Scaglione, Luca Tomasoni

Noi, abitanti della Terra. Viviamo, consumiamo e siamo consumati, logoriamo e siamo logorati da confini fisici e mentali che limitano il nostro spazio mentale e fisico in un sistema che ci fagocita meccanicamente”. Le anime divorate e divoranti di Viola Scaglione e Gigi Piana prendono forma nei corpi dei danzatori del BTT attraverso la musica di Tesio e una drammaturgia istintiva che si rivela racconto aperto di un mondo in bilico tra passato, presente e futuro alla ricerca di un respiro profondo, di vicinanza e accettazione. Una nuova umanità prende forma.

BIOGRAFIA BALLETTO TEATRO DI TORINO

Fondato da Loredana Furno nel 1979 il BTT – Balletto Teatro di Torino ha festeggiato 40 anni di attività continuativa di danza, ricerca, sperimentazione. Una compagnia attualmente composta da danzatori provenienti da importanti esperienze a livello internazionale. Il BTT, oltre all’attività all’estero, è molto presente in Italia, ed in particolare a Torino dove è riconosciuto come un organismo stabile di produzione, istituzionalizzato a livello regionale.

Dopo i primi storici vent’anni e la decennale collaborazione con Matteo Levaggi, coreografo stabile capace di offrire alla compagnia un’identità forte e riconoscibile, dal 2014 il BTT allarga il suo percorso artistico aprendosi ad importanti autori nazionali ed internazionali.

Nel 2009 ottiene la direzione artistica del teatro della Lavanderia a Vapore – Centro di Eccellenza per la Danza del Comune di Collegno, dove rimane oggi, nell’ambito delle iniziative della Fondazione Piemonte dal Vivo. Dal 2016 alla figura di Loredana Furno, si affianca quella di Viola Scaglione.

Biglietti:

Posto unico: 10 euro

Prenotazioni e informazioni 339.2907436

amministrazione@ballettoteatroditorino.org

Savona, Fortezza del Priamar

Sabato 7 Agosto, ore 21.30

BALLETTO DEL SUD

SERATA ROMANTICA”

spettacolo di balletto e poesia, prima regionale
dedicato a
Giacomo Leopardi

regia e coreografie di Fredy Franzutti

primi ballerini: Nuria Salado Fustè e Matias Yakonianni

solisti: Alexander Yakovlev, Aurora Marino, Ovidiu Chitanu, Alice Leoncini

voce narrante: Andrea Sirianni

luci: Piero Calò

costumi: Sartoria del Balletto del Sud, Laura Fuso

maestro di ballo e ripetitore: Francesco Sorrentino

Le pagine più belle del repertorio dell’epoca romantica, da La sylphide, a Giselle a Coppélia,  e alcune nuove coreografie create in chiave romantica (Les sylphides La traviata, L’acquario), si alternano ai versi del poeta di Recanati, il maggior poeta dell’Ottocento italiano e figura fra le più alte della letteratura europea.

Protagonisti sono i primi ballerini e i solisti del Balletto del Sud, e l’attore Andrea Sirianni, specialista nell’interpretazione del testo in poesia. Molti sono gli elementi che accostano la poetica di Leopardi alle melodie della musica romantica: la tensione verso l’infinito, la consapevolezza del passaggio del tempo e dell’impossibilità di cogliere nell’istante la sua pienezza. «La tesi dello spettacolo – spiega Fredy Franzutti – è analizzare e comprendere come la poetica di Giacomo Leopardi abbia influenzato la musica e la danza del XIX secolo, incarnando e generando quel sentimento di lacerazione interiore ed estetica che si sublima e trascolora nel balletto romantico».

BIOGRAFIA DEL BALLETTO DEL SUD

Compagnia stabile finanziata dal Mic e acclamata da pubblico e critica in Italia e all’estero, è composta da artisti di formazione classica e neoclassica provenienti dai teatri d’Opera del mondo, fra cui il teatro Marinsky di San Pietroburgo, il teatro Colòn di Buenos Aires, e da compagnie internazionali quali il Balletto di Amburgo.

Fredy Franzutti, coreografo e direttore della compagnia, nella sua trentennale carriera ha accumulato un’importante esperienza nella ricostruzione di diversi “balletti perduti“; nella lunga collaborazione con la compagnia di balletto del Teatro dell’Opera di Roma, diretta da Carla Fracci e con il teatro dell’Opera di Sofia. “Serata Romantica” rientra nei progetti di ricostruzione e rievocazione del repertorio che il Balletto del Sud produce con in mente l’attenzione per le ricostruzioni filologiche dei grandi balletti.

Rispondi