Lettere alla redazione

Lettera aperta al presidente del consiglio Mario Monti

Sono circa 100 mld di euro,ogni anno, da vent’anni circa a tutt’oggi che allegramente vengono ‘estorti’ dalle casse dello Stato Italiano da una classe dirigente tanto ‘determinata quanto malandrina ‘ oggi denominata con spregio come la casta’.Se non si apporta immediatamente un taglio chirurgico profondo, estirpando i tumori dei privilegi e degli allegri scialacqui, Lei Signor Presidente Monti, ben sà dove si andrà a finire, già molti indicatori hanno anticipato la sentenza di un Paese alla deriva economica sociale culturale. Il tempo dei tentennamenti, delle illusioni ad oltranza, è scaduto.

Con coraggio e determinazione, senza guardare in faccia nessuno, tanto meno i tre ‘marpioni’ ABC, ponga all’esame del Parlamento, la fiducia su tutto quanto è necessario per il rilancio di una Italia più nobile e più giusta, mettendo da subito mano al recupero di quei 100 mld ogni anno dissolti. E se mail, la fiducia, dovesse mancare, serenamente si dimetta Signor Presidente spiegando agli italiani cittadini le motivazioni di tale Suo gesto: comprenderanno benissimo, anzi, a questi ‘signori politici’ affondatori della nostra Patria, alle prossime elezioni politiche sapranno ben rendere, con gli interessi, ‘pan per focaccia’.

Gianni Gigliotti
il Movimento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: