AttualitàCultura e Musica

Lezioni di Storia a Genova: un successo

Per fortuna la Storia vera, quella che gli studiosi cercano di ricostrtuire e di illustrare, è ancora di moda e gli appassionati sono ancora tanti e perciò, si spera, non avranno la meglio le carnevalate o le enormità che certe “fiction”, certi film, certi luoghi comuni, e pure certe trasmissioni televisive e diciamolo una buona volta, certe manifestazioni folcloristiche, diffondono.  E così il Teatro della Corte di Genova era  completamente esaurito, stamattina alle 11,00, quando è stato inaugurato il nuovo ciclo delle “Lezioni di Storia”, curate dal Teatro Nazionale di Genova in collaborazione con gli Editori Laterza. Stando ai numeri dell’anno scorso, con la prima lezione che aveva fatto registrare oltre quattrocento presenze, ci si attendeva una partecipazione simile ma si è andati ben oltre il 50% di ingressi in più con quasi 1000 biglietti venduti ed una sala affollata da un pubblico di varie generazioni, con la partecipazione di moltissimi giovani.

L’iniziativa, promossa dal Teatro Nazionale di Genova insieme con le Edizioni Laterza, inizia nel migliore dei modi e induce a pensare che l risultati che si attendono saranno ancora migliori di quanto era stato conseguito nella passata edizione.

La conferenza odierna, dal titolo “Napoleone e l’arte della guerra a partire da Guerra e Pace” è stata aperta da un’introduzione del Dottor Lodovico Steidl, responsabile delle iniziative culturali di Laterza e tenuta da uno degli storici italiani più in vista del momento, il professor Alessandro Barbero, ospite fisso del canale Rai Storia e della trasmissione di Rai Uno, “Superquark”.

Il ciclo di lezioni di Storia,che si svolgerà durante il mese di ottobre,  presenta un esclusivo lato di interesse: ogni tema prenderà spunto da un romanzo; Barbero ha iniziato  oggi da uno dei più grandi romanzi della letteratura, che si volge sullo sfondo dell’epopea napoleonica: ‘Guerra e pace’ di Lev Tolstoj. Le altre conferenze vedranno protagonisti, il 7 ottobre Alberto Mario Banti, che descriverà la morale borghese a partire da ‘Madame Bovary’ di Gustave Flaubert; il 14 ottobre sarà la volta di Alessandra Tarquini,che parlerà della Resistenza a partire dal romanzo di Beppe Fenoglio ‘Il partigiano Johnny’, uno dei testi più importanti della narrativa ispirata alla Resistenza; domenica 21 ottobre Anna Foa ritornerà sul tema della Resistenza, della persecuzione ebraica, del sionismo attraverso le pagine di ‘Se non ora, quando?’ di Primo Levi; il 28 ottobre, infine, ad Emilio Gentile, il romanzo ‘Tropico del Cancro’ di Henry Miller, servirà di base per riflettere sulla crisi dei valori dell’Occidente.

Ingresso €7, Ridotto €5; Abbonamento a tutti gli incontri €20.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: