Please assign a menu to the primary menu location under menu

ECONOMIAREGIONE

L’influsso della guerra: allarme per l’export ligure

Dopo i rincari di benzina, gas e energia, ora anche l’export è in allarme per le conseguenze della guerra in Ucraina. Il valore delle esportazioni della Liguria verso la Russia è di 118 milioni di euro (109 milioni) e l’Ucraina (circa 9 milioni) nel 2021. I dati Istat, analizzati dall’Ufficio studi di Confartigianato Liguria, evidenziano una situazione molto critica. La provincia che al momento pesa maggiormente per valore della merce esportata verso i due Paesi in guerra è Savona, con 48,3 milioni di euro. Seguono Genova (41,7, di cui 37,3 milioni con la Russia e 4,4 con Ucraina) e La Spezia (25,7 milioni di euro di merci esportate, di cui 25,3 in Russia e circa 353 mila euro circa in Ucraina), chiude Imperia con quasi 2,5 milioni, di cui 1,4 di esportazioni verso Mosca e oltre 1 milione di euro verso Kiev. Genova, nel complesso, segna un -59,7% mentre ad Imperia si registra una diminuzione complessiva del 47,9%, su cui pesa la contrazione dell’export verso la Russia (da 3,6 milioni a quasi 1,2, -67,2%), mentre cresce quello verso l’Ucraina (da 218 mila euro a quasi 816 mila, +273%). Il presidente di Confartigianato Liguria, Giancarlo Grasso esprime la sua preoccupazione sia per le drammatiche conseguenze umanitarie, sia per il rischio delle ripercussioni sulla nostra economia, già provata da due anni di Covid e dai rincari di energia e materie prime, i cui costi continuano a salire. Crisi che ora incide anche nel mercato floricolo della Piana albenganese. A pesare sono i costi energetici schizzati alle stelle. Cia-Agricoltori Italiani con l’Associazione Florovivaisti Italiani hanno incontrato il ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli per una ricognizione sui punti irrisolti del settore, ma strategici per il suo sviluppo: «Occorre investire nelle strutture di protezione – dice l’albenganese Aldo Alberto, presidente dei florovivaisti – Quindi deve essere sostenuta la promozione del comparto sui mercati internazionali. Contro i costi dell’energia e delle materie prime alle stelle, uniti agli effetti dei cambiamenti climatici, la nostra richiesta è quella di rilanciare anche per il florovivaismo l’urgenza di investimenti per serre sempre più innovative e sostenibili sulla scia dell’impegno del Pnrr per i “Parchi agrisolari”».

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: