Politica

L’intervista – Il capogruppo Manuel Meles parla a 360 gradi del momento del Movimento: da Savona al “contratto”, dal reddito alle elezioni europee

Identikit:

Chi è? Manuel Meles, savonese classe 1992

Studi? Studente di Scienze Politiche presso l’Università di Genova.

Cosa fa? Capogruppo del Movimento 5 Stelle del Comune di Savona, eletto nel 2016.

 

Ricordo ancora quando in Corso Italia c’erano i primi stand del Movimento, eravate visti come un oggetto misterioso. Ora, siete forza di governo. Ripensando al tuo percorso pentastellato, cosa ti viene in mente?

Dal 2011, quando ancora eravamo una piccola forza politica poco conosciuta e spesso bistrattata, sembra passata un’era geologica, eppure con tanto lavoro sul territorio e dentro le istituzioni, tra pregi e difetti, siamo arrivati in poco tempo a governare il Paese e di questo sono orgoglioso, perché lavoriamo e abbiamo sempre lavorato con dedizione per risolvere i tanti problemi che i cittadini ci segnalano, rivolgendosi a noi direttamente e senza filtri.  Il nostro obiettivo è realizzare quelle misure per cui tantissimi cittadini hanno creduto in noi, per rendere l’Italia un Paese migliore e profondamente diverso da ciò che è oggi.

Che voto daresti a come l’Amministrazione Comunale ha gestito Savona quest’anno? Visto che, in quanto opposizione, sono certo che ci saranno delle critiche, ti chiedo di menzionare almeno un elemento positivo.

Questa amministrazione merita l’insufficienza piena. Al giro di boa della metà del mandato continua ad agire per iniziative “spot” non coordinate tra loro, che sembrano più che altro motivate dalla compulsiva necessità di apparire. Manca un’idea di città, manca la progettazione organica di quell’azione di vera svolta che potrebbe ridare slancio a Savona. Troppo spesso si è abusato dell’alibi della scarsità di risorse per mascherare la totale assenza di idee del centrodestra. Se dovessi pensare a un elemento positivo di questo 2018, sforzandomi tantissimo, indicherei la nascita di una società pubblica per la gestione del servizio idrico integrato che permetterà al comune di Savona, e a tutti i comuni costieri della nostra provincia, di mantenere la gestione dell’acqua in mano pubblica. Il vero regista dell’operazione è stato sicuramente l’assessore Montaldo, che è di fatto il vero sindaco della città. Sul resto meglio stendere un velo pietoso.

A proposito di governo. Siete legati alla Lega dal celeberrimo contratto, mentre a livello locale, come in molte altre parti della penisola, siete opposti al Carroccio. Da quando è nato il governo Conte, è cambiato il rapporto con gli esponenti della Lega di Savona?

A livello locale non è cambiato assolutamente nulla, da parte nostra c’è sempre la più ampia disponibilità a discutere con tutti su qualunque argomento, ma per farlo dovrebbero esserci correttezza e onestà nei rapporti: inutile dialogare se poi il potere decisionale non è nelle mani della Lega, ma in quelle di Forza Italia. La Lega dovrebbe essere il partito di maggioranza relativa nella compagine a sostegno del sindaco Caprioglio e avere di conseguenza il maggior peso nelle decisioni: non sembra affatto così, è anzi viceversa palese che a tirare le fila sono altri, mentre la Lega savonese si è accomodata nel ruolo di semplice comprimaria.

Se la Lega sembra essere, in questo periodo storico, un monolite in adorazione per il proprio leader, all’interno del Movimento la situazione è indubbiamente più eterogenea. Senza mezzi termini, avresti preferito un governo con il PD?

Il governo con la Lega era l’unico possibile, sia come convergenza su alcuni punti, sia come disponibilità al dialogo. I cittadini ci hanno votato per cancellare la Fornero, inserire il reddito di cittadinanza e riportare un po’ di giustizia ed equità nel Paese. Cose che il PD non ha mai voluto fare. Dirò di più, queste istanze esistono perché il PD ha ignorato e addirittura acuito i problemi che sempre di più opprimono la vita quotidiana delle persone.

Cosa diresti a chi dice che il reddito di cittadinanza è una misura soltanto assistenzialista? E, in generale, credi che l’assistenzialismo, nei confronti di chi a 50 anni ha perso il lavoro, sia un male assoluto?

Il reddito di cittadinanza esiste in tutti i Paesi europei, con denominazioni e modalità di erogazione le più disparate. Quello che li accomuna tutti è la volontà dello Stato di aiutare chi perde il lavoro ed è in difficoltà, aiutandolo a rimanere dentro alla società anziché finirne ai margini. Senza questo aiuto queste persone non avranno i mezzi per far fronte alle esigenze quotidiane, rischiando di finire in una spirale di emarginazione e fragilità tale da richiedere comunque un intervento dello Stato in termini di emergenza abitativa, supporto sociale e non solo. Tali interventi non solo costano di più in termini meramente  economici, ma rischiano oggettivamente di diventare gravi esternalità di tipo sociale (pensiamo ai casi limite in cui i bambini vengono tolti alle famiglie perché queste ultime non sono più in grado di provvederne il mantenimento). È questo il tipo di situazioni particolari a cui si cerca di dare una risposta. Una persona che a 50 anni perde il lavoro ha molte più difficoltà a rientrare nel circuito del mercato del lavoro, la capacità di apprendimento di nuove mansioni è più ridotta, produce meno di un trentenne, ha competenze più datate, spesso è un padre di famiglia con un mutuo sulle spalle, ma resta una risorsa lavorativa e sociale per uno Stato che non può e non deve lasciarla sola.

Sei molto giovane. Secondo te, questo reddito, così come lo racconta il vice premier Di Maio, potrà funzionare, o forse sarebbe meglio ridurre drasticamente il cuneo fiscale?

Questo modello funziona ovunque e il problema furbetti è irrilevante, visto che chi vuole truffare lo Stato esisterà sempre (e non solo qui), è sufficiente adottare le dovute misure di controllo e prevenzione e un adeguato sistema sanzionatorio e di repressione. Sicuramente sarà una boccata d’ossigeno per milioni di famiglie. Come strumento stimolerà molto la domanda interna, perché andrà a sostenere i redditi bassi e finirà nelle tasche di chi ha meno ed è quindi più propenso ai consumi, grazie ai quali lo Stato rientrerà in parte della spesa sostenuta in termini di IVA e di incremento dei redditi dei produttori. Ridurre il cuneo fiscale è una grande sfida, presente anche nel nostro programma e nel contratto con la Lega, ma richiede una concorrenza fiscale leale dei partner dell’Unione Europea e occorre stare attenti a non eccedere troppo, perché si potrebbe favorire eccessivamente attività labour intensive, rendendo troppo conveniente la manodopera e di conseguenza frenare l’innovazione tecnologica. Diciamo che occorre una grande riforma fiscale, coerente e completa, che passi però anche per una reale revisione della spesa pubblica, che consenta di ridurre il cuneo fiscale in modo tale da abbassare i costi per le aziende e consegnare più ricchezza alle famiglie, compensando così la riduzione di gettito che ne conseguirebbe.

Nel 2019 ci saranno le elezioni europee. Hai qualche auspicio circa il posizionamento del Movimento?

Credo in un buon risultato, migliorando quello delle precedenti europee del 2014. Guardo però con curiosità a cosa uscirà dalle urne degli altri Paesi. Credo che l’Unione Europea sia veramente importante, ma che occorra cambiare le regole del gioco: è inaccettabile non essere completamente sovrani delle proprie manovre economiche ed è altrettanto inaccettabile il modo in cui l’UE ha affrontato la questione immigrazione. Non è inoltre accettabile che la BCE non conduca una propria vera politica monetaria e che in un teorico contesto di libertà di movimento di persone, beni e servizi, gli Stati membri si facciano concorrenza fiscale sleale. Se l’Unione Europea insisterà a voler essere solo questo non andrà da nessuna parte. Se riusciremo invece a cambiarla radicalmente, riportando al centro del dibattito quei valori che ispirarono Altiero Spinelli, allora diventerà davvero uno strumento di pace e benessere sociale.

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: