Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

L’Italia, nazione ” civile”?

Per molti cittadini la nostra Italia è una nazione civile ,perché si fa grande con la democrazia e come difensore dei diritti dell’ uomo, ma coloro che credono a questo credono anche che l’ Italia abbia una sanità eccellente .E allora mi chiedo  siamo davvero sicuri di non dire delle baggianate e delle falsità? Quando sento  parlare dei meriti alla nostra Italia mi scappa  da ridere, anche se ci sarebbe da piangere ,condivido a pieno ,quando molti, asseriscono a ragion veduta, ché l’Italia sia una nazione incivile, il perché è semplice ,una nazione che non ha  rispetto  per gli anziani e non ha fiducia sui giovani e non protegge i malati ,è una nazione incivile .Abbiamo poco da poterci vantare, possiamo solo fare dell’autocritica e condannare per  l’operato dei governi che si sono succeduti negli anni passati. la scuola  rimane un grande caos, dove non è in grado di dare un’educazione ed garantire una occupazione al termine degli studi, dove c’è solo bullismo e nozionismo, una scuola che va completamente rivista . Malati abbandonati a se stessi, con un servizio sanitario inesistente, dove nessun medicinale viene  “passato” se non  facendolo comprare ad un caro prezzo al povero paziente, strutture ospedaliere fatiscenti, mancanza di personale sia medico che infermieristico, attese di settimane o addirittura anni per fare delle visite ed qui bisogna dire grazie alle strutture private, seppur pagando ,almeno si vieni curati. Il discorso “anziani” non sarebbe nemmeno da iniziare, troppo lungo,  l’assistenza domiciliare è senza personale e se c’è è mal pagato e frustrato dal lavoro. I servizi sociali sono un vago ricordo, praticamente azzerati persone disabili abbandonati da soli in casa e lasciati marcire come funghi. Pensionati costretti a vivere con €.300/500 mensili di conseguenza impossibilitati a curarsi e vivere dignitosamente .Questa è l’Italia che abbiamo voluto? Questa è  l’Italia per la quale i nostri padri ed i nostri nonni hanno lottato  e lavorato? A  chi dire grazie a tutto questo? Ai giovani  ed ai governi che si sono succeduti  che non hanno mai affrontato questi discorsi ,che a oggi sono diventati veramente drammatici e alcuni irrisolvibili. Tutti noi se, Dio lo vorrà, diventeremo “vecchi ” quindi meglio avere un ricco conto in banca ,se non vogliamo che la nostra vecchiaia  diventi pure un calvario ,Non basta indossare abiti firmati ed avere auto lussuose ,vantarsi di saper leggere o scrivere, per essere civili occorre ben altro !

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: