Please assign a menu to the primary menu location under menu

RUBRICHEStradevari

L’On the road de noantri

“Dobbiamo andare e non fermarci mai finché arriviamo.»

«Finché arriviamo dove, amico?»

«Non lo so ma dobbiamo andare.”

Parole e musica di Jack Kerouac tratte dal suo libro di maggiore successo Sulla strada, il romanzo manifesto della beat generation edito nel 1957. 

Cinque anni dopo usciva nelle sale cinematografiche Italiane Il sorpasso per la regia di Dino Risi che può essere considerato uno de primissimi road movie della storia del cinema che veste alla perfezione la citazione iniziale del libro di Kerouac ma, se possibile, ne rincara la dose di libertà esagerata con quella vena di incoscienza e spacconaggine sintetizzata in un mini dialogo fra i due protagonisti Vittorio Gassman e Jean Louis Trintignant (rispettivamente Bruno Cortona e Roberto Mariani):

Roberto: Sembra di essere in Inghilterra!
Bruno: Perché? Per la campagna?
Roberto: No, viaggiamo sempre sulla sinistra!

 

Il road movie di Dino Risi si articola su una strada che è qualcosa più di una strada è un simbolo  millenario: le vicende infatti si svolgono lungo la Via Aurelia che Bruno e Roberto percorrono in direzione nord a bordo di una Lancia Aurelia, anzi per dirla con Bruno, una Aurelia Sport super compressa.

Molto si è scritto a proposito di questo film dove un tracimante Gassman che sembra un fiume in piena coinvolge in una scorribanda ferragostana un compagno di viaggio troppo debole per opporsi alla sua invadenza e più volte in procinto di sottrarsi a quel viaggio senza meta o per dirla col Chuck Berry del 1964 un viaggio all’insegna del No particular place to go.

Il sorpasso conserva una forza, un ritmo, una vitalità che stupisce ancor oggi e che all’epoca della sua uscita nelle sale colpì molto gli spettatori.  Dennis Hopper che nel 1969 avrebbe diretto Easy rider fu un grande ammiratore del film di Dino Risi al quale si ispirò per narrare la vicenda dei due motociclisti in viaggio dalla California a New Orleans.

Ne Il sorpasso il punto di partenza è una Roma deserta e il percorso attraverso la Via Aurelia si snoda verso nord fino a toccare Civitavecchia prima e Castiglioncello poi nei pressi di Livorno in una zingarata che prima di finire in tragedia pennella a tratti marcati l’Italia del tempo che sta marciando a passi spediti verso il boom, il benessere, le feste, le vacanze al mare.

Una Lancia Aurelia che sfreccia sulla via Aurelia con quel clacson irriverente e selvaggio a far da apripista e con un compagno di viaggio Trintignant reclutato davvero per caso, come accade del resto al personaggio che egli interpreta, solo perché somigliava alla controfigura con la quale erano state girate le prime scene del film.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: