Musica

L’Overlook Film Festival fa tappa a Finale Ligure

Risveglio delle coscienze, risveglio dei sensi, risveglio di un senso etico o della dignità personale. Risveglio della memoria, alla ricerca di immagini archetipiche o del legame profondo con la terra. Fughe nei territori dell’immaginazione e bruschi risvegli. Molti dei cortometraggi selezionati per la VII edizione dell’Overlook Film Festival affrontano il tema del “risveglio” con la massima libertà espressiva, con approcci crudamente realisti o con parabole stilizzate, attraverso i corpi pulsanti degli attori o la fluidità dei disegni animati.

Dopo le tre serate di proiezione nel Comune di Spotorno (dal 17 al 19 agosto), altre tre sezioni di cortometraggi d’autore dell’Overlook Film Festival approdano a Finale Ligure, nella splendida cornice di piazzale Buraggi. Dal 24 al 26 agosto saranno presenti in sala i tre prestigiosi giurati di quest’edizione: Filippo Mazzarella, sceneggiatore e critico cinematografico, collaboratore di “Ciak” e “FilmTV”, organizzatore della rassegna cinematografica “ANIME giapponesi”; l’emergente regista Adriano Sforzi, vincitore del David di Donatello 2011; il documentarista Teo De Luigi, romagnolo attualmente residente a Calice Ligure, organizzatore della rassegna “Doc in borgo”.

Venerdì 24 agosto le opere proposte scandaglieranno ancora il tema del risveglio, fil-rouge di questa settima edizione della manifestazione, focalizzandosi sui tentativi di fuga da prevaricazioni o stereotipi. La sezione di venerdì, infatti, è intitolata In Trappola. Come in Tiger Boy, di Gabriele Mainetti, candidato al David di Donatello 2012, opera che introduce la prima parte della serata, che presenta alcuni tra i corti italiani più emozionanti e premiati dell’anno: come L’estate che non viene di Pasquale Marino (unico corto italiano presente alla Cinefondation di Cannes 2011), L’intruso di Filippo Meneghetti, vincitore del Genova Film Festival del 2012; A Chjana di Jonas Carpignano, Premio Controcampo Italiano 68° Film Festival di Venezia; gli internazionali Horizon di Paul Negoescu , nella Selezione ufficiale della Semaine de la critique al Festival di Cannes 2012, e Na wewe (you too) di Ivan Goldschmidt , candidato al Premio OSCAR 2011. Corto d’animazione della serata You shall not leave the way! di Veronika Szemlova, a cui è valso il premio come Miglior regia femminile al Festival pontino del cortometraggio.
L’appuntamento è per le ore 21 presso piazzale Buraggi, lungomare di Finale Ligure.
Presenta l’attore Nicola Nocella, vincitore di due Nastri d’Argento, presenza ormai immancabile per l’Overlook Film festival.

Ecco nel dettaglio le proiezioni della serata:

Tiger boy di Gabriele Mainetti (20′) Italia
Matteo, un bambino di nove anni, costruisce una maschera identica a quella del suo mito: un wrestler di Corviale chiamato Il Tigre. Una volta indossata non è più disposto a togliersela. Quello che a prima vista viene scambiato come un capriccio è in realtà una chiara richiesta d’aiuto che nessuno riesce a cogliere.
Candidato al David di Donatello 2012

L’estate che non viene di Pasquale Marino (17′) Italia
In un pomeriggio di maggio Nicholas, Daniel e Lollo possono ancora fare qualcosa per salvare la loro amicizia: lottare contro un destino che vuole dividerli.
Candidato al David di Donatello 2012

L’audizione di Davis Kanepe (9′) Italia
Giacomo è un giovane violinista in cerca di lavoro. Dopo aver letto un annuncio, si presenta ad un provino: scopre così, a suo discapito, che quello che conta per lavorare nel mondo della società moderna è l’immagine.
Premio RaiNews Miglior corto d’attualità al festival Maremetraggio

L’intruso di Filippo Meneghetti (18′) Italia
La storia del difficile rapporto tra un padre e un figlio, sullo sfondo della crescente tensione che anima un piccolo paesino della provincia veneta scosso dall’arrivo di alcuni immigrati.
1°premio Genova Film Festival 2012

A Chjana di Jonas Carpignano (20′) Italia
Ayiva, un giovane immigrato della Burkina Faso, cerca di ricongiungersi con il suo migliore amico dopo aver partecipato alla rivolta razziale di Rosarno.
Premio Controcampo Italiano 68° Film Festival di Venezia

Cockaigne di Emilie Verhamme (11′) Belgio

Danilo decide di lasciare il proprio paese, l’Ucraina, insieme ai suoi figli, e di trasferirsi a Bruxelles nella speranza di poter condurre una vita migliore. Purtroppo non tutto va come avrebbero desiderato…

Festival de Cannes 2012 – selezione ufficiale

You shall not leave the way! di Veronika Szemlova (7′) Rep.ceca
L’accettazione sconsiderata delle regole non deve condurre all’obiettivo preposto.
Miglior regia femminile al Festival pontino del cortometraggio

Emergency exit di Mahdi Jafari (7′) Iran
Il primo giorno di scuola, un bambino piange e vuole tornare a casa, ma l’insegnante non vuole permettergli di andare, quindi escogita un piano per fuggire.

Na wewe (you too) di Ivan Goldschmidt (19′) Belgio
1994. Guerra civile in Burundi. Un conflitto genocida vede opposte Hutu e Tutsi. Un pulmino di civili viene attaccato dai ribelli.
Candidato al premio Oscar 2010

Horizon di Paul Negoescu (11′) Romania
If a fisherman mysteriously disappears in the depth of the Black Sea and there is nobody around to hear him, does he make a sound?
Se un pescatore scompare misteriosamente negli abissi del Mar Nero e non c’è nessuno attorno ad ascoltarlo, potrà emettere un suono?
Festival de Cannes 2012- Semaine de la critique-Selezione ufficiale

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: