Please assign a menu to the primary menu location under menu

ECONOMIAREGIONE

Luci e ombre per Piaggio dopo l’incontro all’Unione Industriali

I Sindacati ed il commissario Nicastro si incontrano per l'analisi di una situazione ancora incerta

Si è svolto nel pomeriggio di ieri 22 settembre, all’Unione Industriali di Savona,  l’ atteso e programmato incontro richiesto unitariamente dalle Rappresentanze Sindacali  degli stabilimenti Piaggio di Villanova d’Albenga e di Genova Sestri, con il commissario straordinario Vincenzo Nicastro.

E’ stata di seguito diffusa, dalla FIOM di Savona, una nota in cui si riassume quanto emerso dalla  riunione.

Rispetto a quanto delineato durante l’ultima riunione del 26 luglio presso l’Unione Industriali di Savona – così si esprime Cristiano Ghiglia, della segreteria savonese di CGIL – Fiom – sono modificati l’iter procedurale e le relative tempistiche di vendita. Questa situazione inedita rammarica e preoccupa, non solo per le informazioni date e l’impegno preso con la scorsa assemblea dei lavoratori. Ad oggi non ci sono certezze sulle valutazioni ministeriali e, quindi, sulla possibilità di concretizzare le manifestazioni di acquisto palesate. Rassicurazioni positive, invece, su commesse, ordini, liquidità garantiti per tutto il 2024 ed esclusione utilizzo cassa integrazione. Quindi, come delegati Fiom Villanova d’Albenga e Segreteria Fiom Savona, crediamo sia necessario continuare a monitorare la situazione aziendale. Occorre, quanto prima, continuare a garantire sicurezza a Piaggio, e ai suoi 900 dipendenti e al polo industriale dell’aerospazio del nostro territorio, rimarcando la strategicità aziendale per il nostro paese come dimostra la copertura da normativa Golden Power. Rispetto alle manifestazioni di interesse, si deve lavorare per garantire una soluzione industriale che tenga insieme tutta l’azienda così come oggi la conosciamo in termini di produzione, occupazione, progettazione e stabilimenti evitando qualsiasi -spezzatino-. Pertanto, consideriamo imprescindibile attivare il confronto con il MiSE verso il quale sollecitiamo ulteriormente Regione e Provincia di adoperarsi a prescindere dall’investitura del prossimo esecutivo, come peraltro già delineato anche da CGIL CISL UIL Savona con richiesta attivazione tavolo su crisi territoriali. Lunedì sono organizzate da Fiom Fim Uilm Savona e la  Rsu Villanova d’Albenga assemblee informative dei lavoratori.”

Per parte sua la Segreteria regionale della  FIM Cisl Liguria così commenta l’incontro con il Commissario Nicastro: “Ci sono nuovi ordini a breve e lavoro garantito fino al 2024 ma non può essere un alibi rispetto ai tempi della cessione di Piaggio Aero che deve essere fatta velocemente ma con la certezza di un piano industriale da parte dei soggetti interessati con numeri certi rispetto agli investimenti, tutela occupazionale, facendo rientrare in azienda i lavoratori di LaerH, e continuità per i due siti di Genova e Villanova d’Albenga.

È una realtà che il mondo ci invidia, sta ottenendo risultati importanti dal mercato nonostante sia in amministrazione straordinaria e ci sono prospettive significative: nessuno pensi di svendere questo gioiello, il nuovo Governo se lo ricordi e il dossier Piaggio Aero deve essere una priorità. I tempi si stanno dilatando e il Governo si prenda la responsabilità di mettere risorse nell’azienda per gli investimenti necessari. Di certo il sindacato dovrà essere protagonista nella fase della vendita.”
Il commissario Vincenzo Nicastro avea esposto , in premessa dell’incontro, gli aggiornamenti di seguito riportati:“Il processo di vendita della società prosegue: la fase è delicata e impone il massimo della riservatezza, ma posso assicurare che stiamo profondendo tutte le nostre energie per arrivare a selezionare il compratore che offra le dovute garanzie, anche finanziarie, e si impegni a sostenere il futuro di lungo termine dell’azienda.Non possiamo d’altra parte affidare i destini di Piaggio Aerospace a chi non intenda soddisfare appieno i requisiti imposti dall’autorità vigilante . Non va dimenticato che il duplice obiettivo dell’Amministrazione Straordinaria è offrire una prospettiva di rilancio per la società e per le quasi 900 persone che vi lavorano che sia solida, ma anche garantire una ragionevole soddisfazione per i creditori, nel cui novero ci sono gli stessi dipendenti Piaggio. Continuiamo a lavorare alacremente per creare nuove opportunità di business, e a mantenere ricco il portafoglio ordini della Società”. In tale contesto si devono considerare due nuovi contratti con il Ministerodella Difesa per un valore complessivo di circa 46 milioni di euro: due nuove commesse che innalzano il “pacchetto ordini” corrente di Piaggio Aerospace a circa 490 milioni di euro.
Riguardo alla vendita di Piaggio Aerio, occorre ricordare che le preoccupazioni dei Sindacati sono dovute al risìdursi ad una sola delle due offerte inviate al commissario Nicastro dopo il secondo bando di gara scaduto il 30 maggio scorso; è rimasta probabilmente la sola proposta dell’uomo d’affari indiano  Randeep Singh Grewal e della sua “Greran Family Office”,  dopo il ritiro,annunciato, dal fondo svedese “Summa Equity”.

 

Immagine: Piaggio IP – Dvo da Mobilità org

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: