Cultura e Musica

“L’uomo che non contava i giorni” nuovo romanzo di Alberto Cavanna

Domani, venerdì 11 maggio, alle 18,00 presso la libreria Feltrinelli a Savona il professor Giuliani interverrà sull’ultimo romanzo di Alberto Cavanna, autore di origine savonese, che ora vive a La Spezia. Alberto Cavanna sarà presente a rispondere alle domande del pubblico. Questa, in breve, la trama del libro: in un piccolo paesino ligure arriva dalle soleggiate coste tunisine Mohammed, giovanissimo ma già infinitamente provato dal dolore.

Alla ricerca di riparo, si appoggia per la notte davanti a una cantina, un luogo un po’ più appartato in cui ripararsi almeno parzialmente dal freddo di quelle notti. Ed è proprio lì che il mattino seguente lo trova il vecchio Cristoforo, che, con lo sguardo indifferente di quegli occhi ridotti dal tempo come due fessure, lo incita ad andar via. Eppure in un attimo anche gli uomini apparentemente più distaccati finiscono col sentire forte nel cuore il senso di solidarietà. Quel ragazzo sperduto e senza speranze è così simile al cuore dello stesso Cristoforo. Il destino gioca scherzi strani e in quella cantina in cui il vecchio sta costruendo una barca, Mohammed si sente a suo agio. Dopo i primi timidi passi, la paura di sbagliare e di perdere la fiducia del vecchio, il giovane nordafricano si rivela un assistente perfetto, capace di apprendere velocemente gli insegnamenti del suo “baccan” – signore, come chiama Cristoforo – e forte di una cultura in cui il mare e il legno delle barche sono stati per anni il suo pane quotidiano. I due lavorano incessantemente alla costruzione e al perfezionamento del gozzo, senza un obiettivo, solo per trascorrere il tempo facendo la cosa che entrambi sanno fare meglio. Poi all’improvviso la strada si complica: in quel paesino cambiato, non c’è più posto per loro. E sarà proprio allora che Mohammed ricambierà la fiducia e l’affetto regalatogli, per aprire gli occhi a Cristoforo e fargli capire che non è tutto finito: ci sono altri giorni da vivere degnamente e con il cuore aperto alla vita. Alberto Cavanna nasce da una famiglia di artigiani dediti, da generazioni, alla lavorazione del legno a bordo di navi e imbarcazioni. Suo padre lo portò con sé ‘a bottega’ fin dall’età di cinque anni ed egli crebbe alternando lo studio al lavoro in officina, sugli scali del porto di Savona. Dai nonni, entrambi arruolati in marina nelle due guerre mondiali, ereditò l’amore per il mare e, in particolare dal padre, per la vela. Dopo la maturità classica entrò a lavorare in pianta stabile nell’azienda familiare che lasciò nel 1988 per trasferirsi a La Spezia dove divenne dirigente in un cantiere navale. Continuò nella professione, lavorando in altre regioni e all’estero per clienti ed architetti fino al 2000 quando lasciò definitivamente la nautica da diporto. Dopo una breve parentesi nella cantieristica militare, lasciò la sua vecchia attività nel 2005. I suoi esordi come scrittore vedono la raccolta di racconti Storie di Navi, di Viaggi e di Relitti (2001) e il romanzo storico Bacicio do Tin (2004) con il quale si classificò secondo al Premio Bancarella 2004 dietro a Bruno Vespa per una manciata di voti. Con il suo secondo romanzo Da bosco e da riviera (2008) ha vinto il Premio Marincovich 2009 e il Premio Casinò di Sanremo – Libro del Mare 2010. Collabora stabilmente con la rivista Arte Navale sulla quale ha una rubrica di Storie di Mare, raccolte in “A piccoli colpi di remo” (2011), finalista al Premio Bancarella 2011 e premiato, da Luisella Berrino di RMC, nel corso della settimana monegasca di cultura italiana, con premio per la letteratura ‘L’Amaca 2011’. Nel 2012 pubblica il romanzo breve L’uomo che non contava i giorni. A fianco della attività letteraria coltiva anche l’attività di pittore.

Elisa Baglietto

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: