Economia

Made in Italy: tra i “must” c’è posto per la ceramica

“Il design e l’innovazione della ceramica locale”. Sarà il leit motiv del convegno di studi che si svolgerà sabato 26 maggio, dalle ore 9, nella Sala Magnano di Palazzo Lamba Doria, sede della Camera di Commercio di Savona. Ad organizzarlo, nell’ambito del Festival Internazionale della Maiolica, è l’Ente camerale, che si avvale di un comitato scientifico composto da esperti di assoluto livello, sia tecnico sia artistico. Riunire le forze migliori attorno ad un nuovo progetto è del resto una necessità ormai non più eludibile se si vuole costruire un futuro per la ceramica artigianale di Albisola e Savona.

Settore che è da anni alle prese con una contraddizione di fondo, resa più acuta dalla crisi generale: L’elevato valore del “marchio” – che riunisce arte, storia, tradizione, capacità di fare – non riesce da tempo a trovare adeguato riscontro a livello economico, in quanto appare insufficiente la presenza sul mercato, sia per quanto riguarda la promozione sia per le vendite. In questo senso il convegno rappresenta un momento cruciale per ridefinire cosa può essere realmente l’artigianato ceramico nel XXI secolo e quale ruolo, all’interno di un nuovo modo di produrre e di nuove produzioni, potranno avere Albisola e Savona. L’obiettivo è di giungere a formulare una proposta complessiva in grado di legare l’aspetto culturale a quello economico, con l’uno trainante dell’altro, ciascuno con i propri specifici apporti. Traguardo ambizioso, da seguire con costante impegno, iniziando a definire l’identità nuova e di pregio che la produzione ceramica locale potrebbe far propria e sviluppare con successo, attraverso una rinnovata formazione professionale, una nuova organizzazione del lavoro, l’innovazione di prodotto e il marketing strategico proposti dalla contemporanea cultura del progetto. Il convegno, confrontandosi con le difficili condizioni storiche e strutturali del Distretto della ceramica del savonese che impongono l’onere di fare sistema, tenterà di individuare strategie di sviluppo che colgano le opportunità esistenti sul mercato e che, tenendo conto delle differenti risorse e competenze professionali necessarie – già operative o da formare-, offra alla ceramica locale un potenziale di crescita e di redditività attraverso l’acquisizione ed il mantenimento di un vantaggio competitivo. L’obiettivo è di verificare se la ceramica locale potrà associarsi al made in Italy, già celebre nel mondo intero, giocando la carta della qualità e dell’innovazione nell’ambito dell’artigianato, associato al design, alle nuove tecnologie e a rinnovate professionalità produttive, distributive e promozionali del brand dell’antica tradizione ceramica territoriale.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: