Attualità

Maersk e Aurelia bis: finanziamenti in sicurezza

Con la conversione in legge del Decreto Sviluppo, da parte del Senato, è stato messo definitivamente in sicurezza  il finanziamento della piattaforma multipurpose di Vado Ligure, i cui cantieri potranno quindi essere aperti, come previsto, nel prossimo mese di settembre. Il finanziamento pubblico, pari a 300 milioni di euro su una spesa complessiva di 450 milioni (150 rappresentano la quota di cofinanziamento che sarà resa disponibile da AP Moeller Maersk nell’ambito del “project financing” che è alla base dell’iniziativa portuale), sarà garantito, come specifica l’articolo 15 della nuova legge Crescitalia, utilizzando risorse non spese, che saranno prioritariamente destinate a coprire il finanziamento di opere già pronte per essere rese cantierabili e con priorità a quelle che riguardano il settore dei container.

In pratica è stato come individuare la piattaforma multipurpose di Vado Ligure. Con il progetto esecutivo pronto, con i primi soldi del Milleproroghe 2012 in cassa e con l’ultimo pronunciamento del Tar Liguria che non ha accolto il ricorso del Comune di Vado Ligure, la strada è ora in discesa per il più importante progetto di sviluppo previsto dal Piano regolatore Portuale. Opera su cui, va ancora sottolineato, si sono concentrate le aspettative di occupazione di 4.130 persone, in gran parte giovani e nella stragrande maggioranza giovani della provincia di Savona, che si sono pre-candidati ad uno del circa 650 posti di lavoro che saranno originati, a regime, dalle attività del terminal.  “Una ottima notizia per le imprese italiane”. E’ stato questo il commento del presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello, che ha espresso la soddisfazione del sistema camerale per l’approvazione definitiva del Decreto Sviluppo avvenuta oggi in Senato: “Il provvedimento era molto atteso dalle imprese di tutte le dimensioni e sicuramente porterà beneficio alle piccole e medie imprese che stanno soffrendo per la crisi. Ci voleva questa boccata di ossigeno per la nostra economia”. Le buone notizie per il sistema economico locale non si fermano qui. Ieri sera l’Anas ha annunciato il via libera ai finanziamenti per l’hub portuale di Savona, con la stipula di un contratto di mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti (Cdp). Si tratta dell’attuazione di una delibera del Cipe (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica) datata 2007. “Non si tratta quindi di nuove risorse – ha precisato l’amministratore delegato Anas Pietro Ciucci – ma il contratto stipulato consente di dare attuazione a finanziamenti già previsti, per contribuire, con l’apertura dei lavori alla crescita di Savona e del suo porto”.
Il contratto per 240 milioni di euro si riferisce alla delibera del Cipe del 3 agosto 2007. Il mutuo servirà a finanziare la realizzazione dell’Aurelia bis tra Savona e Albisola, ovvero di quella che tecnicamente è definita viabilità di interconnessione tra i caselli della A10 di Savona e di Albisola con i porti di Savona e Vado, primo lotto da Savona – torrente Letimbro ad Albisola Superiore.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: